Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria dei giochi e i modelli oligopolistici nel mercato della Pay-Tv. Il caso Sky e Mediaset Premium

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimiliano Scalabrino Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2181 click dal 20/09/2016.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Massimiliano Scalabrino

Mostra/Nascondi contenuto.
17 dominante ed una volta all’analisi dell’equilibrio. Il problema di questa tipologia di giochi (strategici a decisioni simultanee) è trovare “la quadra” in un ragionamento di tipo circolare (se io penso che lui pensa che io pensi) dove ogni individuo deve contemporaneamente porsi nei propri e nei panni altrui e quindi scegliere la mossa migliore per entrambe le parti. Infatti, in questa tipologia di giochi l’individuo non dovrà scegliere per sé cercando il proprio ottimo, ma dovrà fare una scelta di tipo collettivo che porterà ad un ottimo sociale. Supponiamo ad esempio di dover risolvere questa tipologia di gioco non cooperativo tra le due maggiori aziende del mercato dei contenuti televisivi, ovvero Sky e Mediaset. Ipotizziamo che settimanalmente le due aziende devono decidere tra due contenuti a maggiore impatto mediatico da trasmettere sulle proprie reti, ad esempio una miniserie storica (che identificheremo nel gioco come Storia) oppure un talk show di tipo politico (che identificheremo come Politica). Alcune ricerche di mercato indicano come “preferito” l’argomento politico a quello storico, diciamo di un 70% contro 30% (ovvero su 100 persone, 70 guarderanno il talk show e 30 la miniserie storica). In questo esempio gli spettatori avranno accesso ad entrambe le piatteforme Pay-Tv, quindi potranno liberamente scegliere l’argomento che più li soddisfa su una piattaforma piuttosto che sull’altra. L’emittente Sky (vale lo stesso per Mediaset) è ben consapevole del fatto che se deciderà di trasmettere il contenuto politico avrà il 70% di share televisivo a suo favore, contro il 30% nel caso decida di trasmettere la miniserie storica. Ma esso è consapevole anche del fatto che, se anche il suo concorrente proponesse lo stesso contenuto, lo share televisivo si dimezzerebbe in 35% nel caso della Politica e 15% nel caso della Storia. La rappresentazione, in forma strategica, di questo gioco è riproposta nella figura a pagina seguente.
Estratto dalla tesi: La teoria dei giochi e i modelli oligopolistici  nel mercato della Pay-Tv. Il caso Sky e Mediaset Premium