Skip to content

Percorso didattico Alpe Neel: Progetto pilota di valorizzazione multifunzionale di un alpeggio in Valle Seriana

Estratto della Tesi di Emanuele Cabini

Mostra/Nascondi contenuto.
Estratto dalla tesi: Percorso didattico Alpe Neel: Progetto pilota di valorizzazione multifunzionale di un alpeggio in Valle Seriana
SCHEDA DESCRITTIVA DESTINATA ALLE PUBBLICAZIONI 
CARTOGRAFICHE DEL “PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE”
ESCURSIONE LUNGO “  IL PERCORSO DIDATTICO ALPE NEEL  ”     IN VALCANALE  
DIFFICOLTA': E (Escursionistica). Baite raggiungibili con fuoristrada di piccole dimensioni richiedendo un 
apposito permesso di transito al comune o alla provincia (es. per disabili). Punto di ristoro presso il rifugio Alpe 
Corte Bassa del CAI di Bergamo.
DISLIVELLO MASSIMO: 797m di dislivello (Valcanale 987/Lago Branchino 1784m)
TEMPO DI PERCORRENZA (salita e discesa): 3.00/3.30h
PARTENZA: il percorso a piedi parte dal parcheggio appena oltre la frazione di Valcanale, nei pressi della sbarra 
che porta agli ex-impianti di risalita dell'Alpe Piazza, dove inizia il sentiero CAI n. 220, meglio conosciuto come 
“Sentiero delle Orobie Orientali” (per i bus è consigliato il parcheggio in paese, nel piazzale antistante il laghetto di 
Valcanale).
SEGNALETICA: segnavia CAI n. 220 da Valcanale, fino alla nuova deviazione a sinistra a valle del rifugio CAI 
Alpe Corte Bassa. E’ presente una segnaletica specifica per il  percorso didattico ad anello CAI n 218A.
PERIODO CONSIGLIATO: per tutti da maggio a ottobre, in inverno solo con ciaspole o sci d’alpinismo.
INTERESSI PRINCIPALI:  storici ed etnografici (Ricerche sull'attività dei pastori, dei bergamini e sugli antichi 
percorsi di transumanza bergamaschi), geomorfologici, mineralogici, botanici, paesaggistici, tecnologici 
(Funzionamento di un alpeggio per la produzione di latte e formaggio).
LUOGO: l’Alpe Neel, che localmente viene chiamata anche “Nevel”, è situata in testata alla Val Canale in Comune 
di Ardesio, più precisamente nella Val Rossa. Si estende a valle del passo Branchino, confine naturale con la Valle 
Brembana, dove c’è anche l’omonimo lago. L’alpeggio ha circa 226 ettari ed è l’unico di proprietà 
dell’Amministrazione Provinciale di Bergamo, che l’ha acquistato dal Comune nel novembre del 1964. 
All’inizio degli anni’ 80, in collaborazione con C.M. Valle Seriana Superiore è partito un programma sperimentale di 
gestione e ristrutturazione razionale del pascolo, oggi caricato con il bestiame di un allevatore locale. L’obiettivo è 
quello di creare un modello di gestione scientificamente corretto da esportate in altre zone prealpine, soprattutto in 
quelle in via di abbandono o degrado. Dal 1995 anche l’Orto Botanico “Luca Rota” di Bergamo si è interessato alle 
ricerche floristiche nella zona, che è di notevole interesse, sia per la vicinanza al famoso “Sentiero dei Fiori” e sia 
per la presenza di alcuni endemismi, come il pascolo pingui a “Sanguisorba dodecandra”   e  “Rhinanthus 
alectorolophus”. Tutto quello che riguarda il progetto è descritto in una pubblicazione dell’Ufficio agricoltura e 
forestazione di Bergamo.
PERCORSO: l’escursione ad anello lungo il nuovo “Percorso Didattico Alpe Neel” è nata da un progetto del 
2005/06 di Cabini Emanuele, laureando presso “l’UNIVERSITA’ della MONTAGNA” di Edolo, in collaborazione con 
la biblioteca e la commissione sentieri del CAI di BERGAMO, con il supporto logistico della PROVINCIA di 
BERGAMO, proprietaria dell’alpeggio. Lo scopo di questo itinerario è la valorizzazione turistica e didattica della 
zona, valida anche come esempio di uso multifunzionale dell’agricoltura di montagna. 
     
E’ un interessante modo per conoscere a 360° il territorio Orobico, una gita per tutte le età, ma studiata soprattutto 
per gruppi organizzati, come scolaresche e CRE-GREST, con la possibilità di richiedere alle amministrazioni 
competenti o al CAI una guida naturalistica. Inizia a livello della sbarra che blocca l’accesso agli ex-impianti sciistici 
della Val Canale, ormai dismessi. Si prende il sentiero (carrabile con permesso), vicino ai pannelli che descrivono il 
“Trekking delle Orobie”, fino a raggiungere in 30 minuti una deviazione a sinistra, a valle del rifugio Alpe Corte, 
segnalata come sentiero CAI n. 218A, variante al tradizionale sentiero CAI n. 218 per il lago Branchino. 
Si risale la vallata per prati e alcuni tornanti, fino a un bivio, dove si tiene la sinistra per arrivare ad un’interessante 
radura nella valletta del torrente Acquilina. Qui è consigliabile fare una deviazione per raggiungere in una decina di 
minuti anche le Baite G.A.N. del Gruppo Escursionistico Nembrese, punto panoramico con anche alcuni tavoli per 
una breve sosta. Se si ignora da deviazione dalla radura si costeggia un tratto del torrente,  aggirando una 
collinetta di interesse floristico per sbucare al centro dell’Alpe Neel, sul sentiero usato dagli alpeggiatori. Si sale 
verso la ben visibile baita Neel di Mezzo, dove nel periodo estivo alloggiano e caseificano il formaggio i malghesi, 
cortesi e sempre disposti a dare informazioni. Da qui una ulteriore deviazione può essere effettuata verso il lago 
Branchino, dove si possono vedere i resti della terza baita, il versante con particolari pieghe geologiche ed in 
primavera interessanti endemismi floristici. Dal passo Branchino si può proseguire per diversi itinerari 
escursionistici, tra cui il famoso “Sentiero dei Fiori”, importante a livello internazionale o per la vetta del monte 
Arera. 
Dalla Baita Neel di Mezzo, si prende la via del ritorno passando  sul versante sinistro (spalle a monte) 
dell’alpeggio, raggiungendo in pochi minuti la Baita Neel Bassa, ristrutturata ex-novo, un grande investimento della 
Provincia per l’educazione ambientale.   
Da qui la discesa è facile, ci si ricongiunge al bivio per la valletta dell’Acquilina e poi un centinaio di metri più a 
valle sulla sinistra, si prende un sentiero di discesa alternativo che passa attraverso l’alpe Corte ed arriva ad un 
ponte alle spalle del rifugio CAI Alpe Corte (ottimo punto di ristoro). Da qui in 30-45min si raggiunge il punto di 
partenza. Il percorso va effettuato in senso orario, come descritto, seguendo le apposite indicazioni verticali,  in 
modo da non saltare i vari pannelli illustrativi, disposti lungo l’itinerario secondo un opportuno filo logico.   
20

Estratto dalla tesi:

Percorso didattico Alpe Neel: Progetto pilota di valorizzazione multifunzionale di un alpeggio in Valle Seriana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Cabini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Valorizzazione e tutela del territorio e dell'ambiente montano
  Relatore: MICHELE CORTI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
recupero
prodotti tipici
territorio
alpi
montagna
cai
alpeggi
multifunzionale
valle seriana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi