Skip to content

L'efficacia dei soldati in combattimento: motivazioni e morale dell'esercito italiano nelle due guerre mondiali

Estratto della Tesi di Domenico Silvestro

Mostra/Nascondi contenuto.
bombardamenti nemici 3 . La ricostruzione del giornalista tendeva ad esaltare non solo le qualità del Generale Cadorna, considerato uomo dalla volontà ferrea, intelligente e modesto, ma anche quelle del Re, sempre presente e pronto ad incoraggiare gli uomini al fronte. Gli ufficiali, pur essendo gentili e benevolenti, mantenevano la disciplina in maniera impeccabile, punendo quando necessario e vivendo in prima linea con i soldati. In conclusione, l'esercito visto da Colombi era un esercito in cui regnava il senso del dovere, in cui un intero popolo s era unito in una guerra combattuta in maniera eroica e che sarebbe stata di sicuro vinta, poiché nessuna fortezza avrebbe potuto resistere alla risolutezza degli italiani 4 . Sembra essere un ritratto davvero diverso da quello che si può immaginare osservando le considerazioni di austriaci e tedeschi. In effetti, pur essendo questa visione eccessivamente ottimistica, tanto da suscitare qualche sospetto sull'obiettività del giornalista, non si può negare che l'esercito italiano avesse sicuramente alcuni punti di forza né che la sua efficienza fosse poi così lontana, almeno sulla carta, dai grandi eserciti europei che si davano battaglia sul fronte occidentale e su quello orientale. Ma cosa si intende per efficienza? Secondo lo storico ed esperto di storia militare Giorgio Rochat, quello dell'inefficienza dell'esercito italiano è sostanzialmente un luogo comune. Secondo la sua teoria, è difficile misurare l'efficienza di un esercito valutandone semplicemente la vittoria o la sconfitta, né tanto meno mettendolo in relazione con gli altri eserciti in campo. Ogni battaglia è diversa da qualsiasi altra ed in ognuno di questi casi vanno analizzati sia l'organizzazione interna, che il nemico ed il tipo di guerra che si sta combattendo 5 . Nel caso dell'Italia nella Prima Guerra Mondiale, l'organizzazione dell'esercito, pur con alcune dèfaillance, regge a disfatte pesanti come quelle seguenti alla Strafexpedition o al crollo di Caporetto, riuscendo a contenere il nemico e a ripartire al contrattacco. Nonostante l'Italia sia un Paese semi-industrializzato e con evidenti dissidi politici interni, essa riesce a sostenere al fronte circa due milioni di soldati, reggendo l'urto dell'Austria-Ungheria e della Germania. Il primo conflitto mondiale si trasforma presto in una guerra di trincea, quindi lo scopo principale per i belligeranti è quello di resistere quanto più possibile al 3 Emile Colombi, L'esercito italiano, impressioni dal fronte, in "Rivista Militare italiana",1916, pp. 329- 340 4 Ibidem, pp. 446-456 5 Giorgio Rochat, Ufficiali e soldati, cit., pp. 16-19 9
Estratto dalla tesi: L'efficacia dei soldati in combattimento: motivazioni e morale dell'esercito italiano nelle due guerre mondiali

Estratto dalla tesi:

L'efficacia dei soldati in combattimento: motivazioni e morale dell'esercito italiano nelle due guerre mondiali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Silvestro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Stefano Cavazza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 190

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi