Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impresa sociale tra innovazione e cooperazione: un'analisi esplorativa sulle reti innovazione nel Mezzogiorno

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Nicoletta Ricciardella Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 309 click dal 26/10/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Nicoletta Ricciardella

Mostra/Nascondi contenuto.
welfare possono essere, e in molti casi sono, “spazi di 210 mercato” del Terzo Settore : 211 - aumento dei costi legati alla gestione della spesa pubblica non supportato da incrementi della produttività; - inefficienza provocata dall’assenza di competizione e da comportamenti opportunistici; - incapacità di realizzare, nel settore pubblico, modelli organizzativi in grado di produrre beni e servizi idonei a soddisfare le aspettative sociali e, quindi, conseguente insoddisfazione degli utenti per la qualità dei servizi erogati, per la limitata differenziazione dell’offerta e per la scarsa tutela garantita alle classi più deboli.   Il concetto di welfare State non ha valenza assoluta; al suo interno 210 esistono diverse visioni politiche e filosofiche. Secondo una definizione più aderente alla nostra realtà sociale si può affermare che per Welfare State si intende uno Stato in cui il potere organizzato è deliberatamente usato, attraverso il sistema politico e amministrativo, nel tentativo di emendare l’azione delle forze di mercato in almeno tre direzioni: assicurando a tutti i cittadini una gamma socialmente concordata di beni e servizi meritori; restringendo l’impatto dell’incertezza che impedisce ad individui e famiglie di affrontare alcune contingenze sociali quali la malattia, la vecchiaia e la disoccupazione; garantendo, agli individui e alle famiglie un reddito minimo che assicuri un’esistenza dignitosa. Simmetricamente, agli individui, all’interno del welfare State, si riconoscono specifici “diritti sociali”, intendendosi per tali quei diritti che spettano ad un soggetto e che lo Stato si impegna a garantire indipendentemente dalla capacità economica del soggetto stesso. (Consiglio nazionale del notariato,“L’impresa sociale - Prime riflessioni sul d.lgs. 24 marzo 2006, n. 155”, studio n. 429-2006/C, pag. 3, download del 20/03/2013).   Retecamere,  “ Interventi di accompagnamento e di assistenza 211 sull’economia sociale”, settembre 2006, pag. 4, download del 20/03/2013.   112
Estratto dalla tesi: Impresa sociale tra innovazione e cooperazione: un'analisi esplorativa sulle reti innovazione nel Mezzogiorno