Skip to content

Is Evo's Bolivia out of neoliberalism?

Estratto della Tesi di Christian Dalenz Buscemi

Mostra/Nascondi contenuto.
Prebisch's ideas and Economic Commission for Latin American and the Caribbean's suggestions (ECLAC), confirms that they were in general more successful than neoliberal policies. A recent article published in an IMF review (Furceri, Loungani and Ostry, 2016) complained about the inescapable consequences of financial instability and socioeconomic inequality which neoliberal reforms lead to. A report from the same institution (IMF, 2012) already had warned from a strict application of financial liberalization in less developed countries and about the contagion risks that this may imply. Starting from the 00s, with the electoral victories of leftist political parties all over the continent, a new course started, which has been called Pink Tide by newspapers and post-neoliberalism by its promoters: an attempt to overcome neoliberalism where the social should predominate the economic through the defense of both concepts of difference, respecting indigenous rights, and equality, redistributing wealth (Ettlinger and Hartmann, 2015). While reviewing a great amount of literature on the topic, Mendes Loureiro (2016) outlined the main characteristics of Pink Tide governments: State-controlled neo-extractivism of natural resources which, thanks to the international commodities boom, provides funds for conditional cash transfers (CCT) to the weaker sectors of the population, and incorporation of government- friendly social movements in the administration of the State, at the cost of excluding non- collaborating ones (neo-corporativism). It has been indeed a period of marked growth, employment and inequality reductions: Cornia (2014) showed that the average regional Gini index plummeted during the Pink Tide era, reaching even a lower level than the one existing before the start of the Washington Consensus era (47.7 in 2012), and explained that this has been due to the policies applied in the period: rising expenditure on education and social policies and hikes in the minimum wages. This improvement was superior to the one experienced in Asia and in Africa, in countries which experienced similar commodities booms: this is why in the Latin American case policies had an important role, which marked a difference. But there is a huge amount of literature which considers the model unsustainable in the longer terms, because it relies too much on rents over trade on raw materials to finance social programs and sustain macroeconomic stability, so that a crisis in the international price of these would trigger a crisis also in the economy of these countries, as it's happening in Venezuela (see Mendes Loureiro, 2016; Ettlinger and Hartmann, 2016; Mun, 2015. These authors rely on further sources which analyze the problem). Moreover, the regional Structural Reform Index (Lora, 2012) rose to 0.65 in 2009; this signals that while the application of neoliberal policies has been very slow between 1999 and 2009, still it kept 9
Estratto dalla tesi: Is Evo's Bolivia out of neoliberalism?

Estratto dalla tesi:

Is Evo's Bolivia out of neoliberalism?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Christian Dalenz Buscemi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Kingston University
  Facoltà: Faculty of Arts and Social Sciences
  Corso: Economic Policy
  Relatore: Rex McKenzie
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi