Skip to content

L'ACNA di Cengio nel contesto dell'industria chimica italiana (1931-1999)

Estratto della Tesi di Saverio Capanna

Mostra/Nascondi contenuto.
13 i risultati di una scoperta sono spesso difficilmente classificabili in termini morali. La nitroglicerina come componente fondamentale per produzione di esplosivi di uso bellico può essere senz’altro vista come un passo contro l’umanità, ma l’uso della dinamite per scopi civili o addirittura come farmaco per la cura dell’angina pectoris no. Come sempre sono le scelte politiche che possono essere etichettate come giuste o sbagliate, un bene o un male, non certo le scoperte stesse.” 26 La prima industria bellica italiana fu la Dinamite Nobel di Avigliana (TO) – che sarà acquisita poi nella Montecatini nel 1927- fondata nel 1873 con apporto di capitale francese; nel 1890 arrivò ad impiegare 700 operai. Alfred Nobel, invento aveva stretti legami con l’Italia, non solo perchØ visse l’ultimo periodo della sua vita a Sanremo, ma anche perchØ vi era un rapporto di collaborazione scientifica con Ascanio Sobrero, che era stato assunto alle dipendenze del dinamitificio italiano 27 . Lo scienziato svedese, inoltre, offrì al governo italiano il brevetto della balistite, esplosivo composto da nitroglicerina e nitrocellulosa, rifiutato da quello francese. Tra il 1893 e il 1896, venne impiantato presso Fontana Liri il complesso industriale statale utilizzando il brevetto apportato da Nobel. Tale stabilimento, arriverà ad impiegare 8000 addetti durante il primo conflitto mondiale. E’ conservato tutt’oggi il documento del comune di Cengio 28 , datato 26 marzo 1882 e firmato dal sindaco Antonio Garello, il quale, visto il pareredella giunta comunale, esprime parere favorevole affinchØ il prefetto di Genova possa autorizzare il signor Giuseppe Passano di Torino a impiantare una “Fabbrica di dinamite” in località Ponzano. L’impianto risulterà avviato un paio di anni dopo, tuttavia la proprietà sarà francese, della SociØtØ Continentale GlycØrines et Dynamites 29 che conferirà un capitale di 550000 lire, il consiglio di amministrazione sarà composto, oltre che da quattro francesi, da Giuseppe Tardy, industriale di origine savoiarda, proprietario di uno stabilimento metallurgico a Savona,e dal banchiere Angelo Ponzone.Nel 1906 la fabbrica di Cengio sarà rilevata dalla SIPE ( Società Italiana Prodotti Esplodenti)- che già possedeva due polverifici, uno a Forte dei Marmi ed un altro a Spilamberto (Mo) 30 -e che continuò l’attività precedente. In essa 26 Giovanni Boaga in http://giovanniboaga.blogspot.it/2011/04/ascanio-sobrero.html 27 Giovanni Boaga in http://giovanniboaga.blogspot.it/2011/04/ascanio-sobrero.html 28 Una copia del documento è riprodotto nel libro “La chimica a Cengio. Storie di battaglie e conflitti dentro e fuori i cancelli” di Andrea Dotta, 1997, Savona 29 A. Zanini, op.cit pag. 28, vi è una controversia sull’attribuzione dell’ intestazione della prima proprietà nello stabilimento si veda l’appendice in ibidem, pag.34 che spiega che l’ipotesi prevalente,poichØpiø documentata, è quella riportata nell’opera pocanzi citata 30 sui tipi delle produzioni degli stabilimenti SIPE si consulti http://www.museoitinerantecaccia.org/index.php?tipo=ax4&title=Lattine%20da%20polvere%20da%20sparo&testo=&p ag=3&pid=1
Estratto dalla tesi: L'ACNA di Cengio nel contesto dell'industria chimica italiana (1931-1999)

Estratto dalla tesi:

L'ACNA di Cengio nel contesto dell'industria chimica italiana (1931-1999)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Saverio Capanna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Maria Stella Rollandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi