Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La garanzia dei diritti negli Stati Uniti dopo l'emergenza dell'undici settembre 2001

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simona Materia Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 374 click dal 26/10/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Simona Materia

Mostra/Nascondi contenuto.
1.3) Sospensioni dell’habeas corpus durante la Guerra Civile Il Presidente Lincoln nel corso della Guerra Civile 24 sospese più volte 25 il diritto di habeas corpus, sottoponendo i sospettati al giudizio della Corte Marziale e imprigionando circa 38.000 26 civili senza dar loro la garanzia di un giusto processo. La Guerra Civile portò all'adozione di misure così severe sia a causa del gran numero di morti- oltre 600.000 le vittime tra le forze armate- sia per le aspre contestazioni nei confronti del conflitto. Tale clima facilitava la possibilità di spionaggio e sabotaggio, tanto che il presidente Lincoln condannò ogni persona colpevole di "azioni sleali" ad essere sottoposta alla corte marziale anziché a comparire davanti ad un giudice naturale. Questa sospensione fu criticata dal giudice della Circuit Court Taney nella sentenza del caso Ex parte Merryman 27 in quanto contrastante con il dettato costituzionale 28 . Infatti Taney sostenne l'incostituzionalità della sospensione dell'habeas corpus sulla base della mancata approvazione di un atto congressuale che autorizzasse il Presidente a prendere tali misure. La mancata approvazione congressuale avrebbe infatti costituito un'usurpazione dei poteri del Congresso ad opera del Presidente. 24 La Guerra Civile fu un conflitto interno degli Usa (1861-1865), che ha visto contrapporsi gli Stati della Federazione, divisi tra Nordisti, i quali propendevano per l'abolizione della schiavitù dei neri, e Sudisti, i quali si opponevano all'abolizione della schiavitù, base fondamentale del sistema economico di tipo agricolo di tali Stati. La guerra fu vinta dagli Stati del Nord e portò all'abolizione della schiavitù all'interno degli Stati Uniti. 25 Otto volte, secondo STONE, Libertà in tempo di guerra, cit. 26 G. R. STONE, Libertà in tempo di guerra, cit. 27 17F. cas.144 (C.C.D.Md.1861) n.9487, Taney, Circuit Justice. 28 D. COLE, The priority of morality, in Yale Law Journal, vol.113, n.8. giugno 2004, 1752-1753. 16
Estratto dalla tesi: La garanzia dei diritti negli Stati Uniti dopo l'emergenza dell'undici settembre 2001