Skip to content

Spazio Scenico e New Digital Media: teorie e pratiche del nuovo teatro

Estratto della Tesi di Claudia Di Natale

Mostra/Nascondi contenuto.
15 melodrammatiche che vennero ripensate e successivamente riproposte per il coinvolgimento di un pubblico che difficilmente avrebbe apprezzato un testo di Shakespeare o una composizione di Puccini, strategia che contribuì alla nascita di nuove tipologie di mercato e di business improntate al modello teatrale; i set cinematografici infatti sono esattamente gli stessi teatri di prosa, le proiezioni avvengono nelle stesse sale in cui si assiste agli spettacoli teatrali e l’organizzazione generale del lavoro ha le stesse gerarchie di quelle del teatro. Per quanto riguarda invece le modalità di recitazione e la selezione degli attori da impiegare negli spettacoli, è interessante soffermarsi su un evento considerato chiave dalla stragrande maggioranza dei critici cinematografici, ovvero il superamento e la successiva sostituzione del cortometraggio con il lungometraggio. Dai suoi albori fino al 1910 il cinema attraverso i suoi cortometraggi ha riproposto storie provenienti dal teatro di varietà e dal teatro dilettantesco, con attori dalle doti recitative alquanto discutibili proprio perché la tecnica del cortometraggio non richiedeva particolari doti recitative quanto piuttosto una padronanza di espressioni facciali e di gesti, spesso ridonanti, tipici della pantomima. L’anno successivo la Milano Films, casa di produzione cinematografica italiana attiva all’epoca del cinema muto, presenta “La Divina Commedia: Inferno” primo lungometraggio italiano diretto da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan inaugurando così il cosiddetto “cinema delle attrazioni”, un tipo di spettacolo con una grammatica filmica differente da quella del superato cortometraggio ed incentrato sui grandi effetti speciali. Conseguentemente cambiano anche le modalità di recitazione in questo nuovo tipo di spettacolo, spettacolo che richiede il contributo di veri e propri professionisti, celebri attori generalmente provenienti dal teatro i più dei quali si dedica anche alla stesura di soggetti per il nuovo schermo, come ad esempio Carmine Gallone o lo stesso Gabriele D’Annunzio. Siamo d’accordo nel dedurre che il rapporto teatro/cinema sia basato su un’osmotica compenetrazione che nella pantomima trova una contiguità, ed è proprio la recitazione l’aspetto da approfondire, ancora una volta, per cercare di andare ancora più a fondo di questo strano legame. Nel teatro siamo di fronte ad un tipo di recitazione analitica composta da elementi omogenei che contribuiscono ad uno sviluppo graduale della storia e del personaggio stesso; al cinema invece è tutto al contrario, la recitazione è sintetica e spesso ci si ritrova dinnanzi ad interpretazioni statuarie e dizioni declamatorie nonostante, come precedentemente scritto, durante l’epoca del muto il cinema si fosse affidato a tecniche recitative molto enfatiche e ricche di
Estratto dalla tesi: Spazio Scenico e New Digital Media: teorie e pratiche del nuovo teatro

Estratto dalla tesi:

Spazio Scenico e New Digital Media: teorie e pratiche del nuovo teatro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Di Natale
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Luca Ruzza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi