Skip to content

Le armi dei gladiatori

Estratto della Tesi di Laura Venditti

Mostra/Nascondi contenuto.
9 rappresentazione dell’ Hecyra 18 di Terenzio. L’autore stesso racconta, nel prologo della terza rappresentazione dell’ Hecyra, che gli spettatori, seduti a teatro per assistere alla sua opera, dopo aver saputo che stavano per avere inizio dei combattimenti di gladiatori, probabilmente nel corso dei ludi funebri per Lucio Emilio Paolo, abbandonarono in massa il teatro per recarsi al munus. L’epigrafia conferma questo originario carattere degli spettacoli gladiatori, tant’è vero che solo a partire dalla tarda Repubblica vennero definiti munera gladiatoria le prestazioni dovute al pubblico, distinte, per questo, dai ludi veri e propri, mentre fino ad allora veniva usata, per questi spettacoli, l’espressione gladiatores dare. Già durante l’impero di Augusto, i munera gladiatoria raggiunsero il loro massimo splendore, dal momento che rientravano negli atti di evergetismo del principe nei confronti del popolo. Infatti, durante l’età imperiale, a partire dal I secolo d.C., il massimo editor di spettacoli era il princeps. Nel 22 a.C. fu promulgato un provvedimento teso a limitare le esibizioni gladiatorie, per le quali sarebbe stata necessaria, da allora in avanti, l’autorizzazione del Senato. Dal I secolo a.C., infatti, non si hanno più notizie di spettacoli promossi da privati, se non da parte di giovani questori, autorizzati, anzi costretti, a partire dall’impero di Claudio, e definitivamente da quello di Domiziano, ad elargire annualmente munera. Non vi è dubbio però chel’editor per eccellenza rimaneva sempre e solo l’imperatore. Il fenomeno gladiatorio si diffuse a partire dal II secolo a.C. in tutta Italia e nelle province; si trasformò anche profondamente, laicizzandosi, cioè distaccandosi dalla sfera religiosa e funeraria nella quale aveva avuto origine, e i suoi protagonisti si specializzarono. Fuori da Roma, infatti, era compito dei magistrati locali elargire munera; infatti tali personaggi politici erano obbligati dagli statuti cittadini a spendere una certa somma di denaro, proporzionata alla grandezza della città, in costruzione di opere pubbliche e nell’annuale organizzazione degli spettacoli gladiatori. Nel corso del II secolo d.C. i costi degli spettacoli crebbero enormemente, divenendo quasi insostenibili. Causa di questo era la durata degli spettacoli, che per venire incontro alle aspettative del pubblico, venivano protratti per più giorni. Ciò portò, infatti, gli editores e gli imperatori stessi a contrarre, con i lanisti, i proprietari delle compagnie di gladiatori, debiti per svariati milioni di sesterzi. Per porre un freno a questa situazione, fu emanata la Lex Italicensis 19 da parte, degli imperatori Marco Aurelio e Commodo, volta a limitare le spese degli spettacoli, ponendo un freno al lievitare dei prezzi dei gladiatori. E’ questo uno dei più famosi e dei numerosi provvedimenti via via assunti, cominciando dalla tarda età repubblicana fino alla fine del IV secolo d.C., in materia gladiatoria. Quanto alla modalità di svolgimento dei giochi, disponiamo di una serie di fonti che provengono, oltre che da numerosi passi degli autori antichi, da raffigurazioni a rilievo, mosaici, dipinti, che decoravano le case e le tombe dei magistrati municipali, erano 18 Vd Paolucci 2006, p. 15. 19 Gregori 2001. p. 19.
Estratto dalla tesi: Le armi dei gladiatori

Estratto dalla tesi:

Le armi dei gladiatori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Venditti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Eugenio Polito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
tesi
archeologia classica
tesi triennale
gladiatori
tesi sui gladiatori
spettacoli gladiatori
armi glatiatori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi