Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

BodyFit® Soccer: Metodo Funzionale neuromuscolare

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Giulia Simonetti Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 322 click dal 22/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giulia Simonetti

Mostra/Nascondi contenuto.
    [ Giulia Simonetti – Matricola 200711 – Università San Raffaele (Roma) ]         12   2. Periodo 9 -12 anni fase dello sviluppo tecnico coordinativo + fase della crescita cognitiva 3. Periodo 13 – 17 anni fase della maturazione tecnico coordinativa + fase dello sviluppo cognitivo e fisico "Dai cinque agli otto anni il bambino si trova in una fase ancora infantile che si caratterizza da una attenzione limitata e da un egocentrismo spiccato che tende a far prevalere un controllo dei movimenti soprattutto di tipo senso motorio. Infatti i bambini vorrebbero avere sempre loro la palla ed essere al centro dell'attenzione. Il comportamento motorio risulta irrazionale ed a volte disordinato soprattutto nei più piccoli e la didattica deve prevedere regole semplici.” (…) “Dai nove ai dodici migliora decisamente la relazione con il gruppo ed il periodo è estremamente favorevole all'apprendimento delle abilità tecniche. Il controllo del movimento diviene più organizzato e comincia a strutturarsi la capacità di autocritica ed il pensiero creativo. Anche l'attenzione dei particolari man mano acquista un significato più semantico e si orienta anche verso situazioni ed azioni di gioco distanti dal proprio corpo. Questa è la fase infatti che dai giochi di gruppo si passa alla idea di squadra “. (…) “Dai tredici in poi a sua volta, superata la fase puberale che nei maschi si conclude intorno ai quattordici , quindici anni, che crea disordine per l'asincronia con cui maturano sistemi e apparati, diviene a volte difficile da gestire soprattutto negli sport di squadra come il calcio in quanto all'interno del gruppo si possono trovare stadi di crescita diversi che a volte presentano diverse caratteristiche morfo funzionali che spesso non sono accompagnate, nel caso di precocità maturative, da identiche disponibilità sul piano cognitivo e psicologico". 1.2 Il bagaglio Motorio di base Compiendo un passo indietro, all’origine della Motricità, troviamo lo SCHEMA CORPOREO. Bonnier (1905) è il primo ad utilizzare questa espressione per indicare “la rappresentazione topografica e spaziale del corpo che permette l'orientamento rispetto all'ambiente esterno”, Schilder (1935) lo vede come “l'immagine tridimensionale che ciascuno ha di se stesso”.
Estratto dalla tesi: BodyFit® Soccer: Metodo Funzionale neuromuscolare