Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

American Horror Story e l'immaginario della morte nell'industria culturale

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Roberta Terisacco Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 136 click dal 25/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Roberta Terisacco

Mostra/Nascondi contenuto.
1.2 Il corpo“ riassemblato” In Murder House,così come in Coven ed Hotel (rispettivamente terza e quinta stagione di American horror story), più volte assistiamo a scene di corpi “riassemblati” , rimessi cioè a nuovo dopo la morte o creati dal nulla. In Murderer e in Hotel è il caso di corpi di bambini neonati che, dopo essere stati uccisi all’interno della “famosa casa” degli orrori, vengono rimessi in sesto attraverso l’operato di un famigerato medico, divenuto anch’egli fantasma appartenente alla casa, mentre nel caso di Coven assistiamo alla vera e propria ricostruzione di un corpo mutilato resa possibile dalla magia e dall’unione di varie parti del corpo di altri cadaveri. Questo tipo di dinamica ci riporta, in qualche modo, al Frankenstein di Mary Shelley sia per l’attaccamento madre – figlio/padre – figlio , sia per la costruzione di un corpo a cui dare vita. La durevolezza e l’influenza dell’opera di Shelley del 1818 è stata enorme e forse non c’è altra opera all’interno del panorama gotico, che sia penetrata più profondamente nell’immaginazione culturale. Il dottor Frankenstein aspira alla creazione di un essere vivente che, una volta creato, si dimostrerà meno malleabile di quanto avesse sperato e pian piano si alienerà sempre più dal suo creatore finendo per commettere una serie di atroci delitti. Il compito di Frankenstein è concepito come puramente scientifico, egli non ha interesse per le questioni sociali o morali ma si considera essere un «puro indagatore della verità», il libro espone molti dubbi riguardo al progresso scientifico sottolineando in modo molto moderno la necessità di porre attenzione e affrontare con responsabilità i processi scientifici ed infatti, i metodi usati da lui non coincidono con l’alchimia Faustiana. 4 Nella trasmigrazione di 4 Frankenstein è sicuramente legato ad altri miti come, appunto, quello di Prometeo e quello di Faust, che riemergono nell’opera in forma mutata. Victor F. nel tentativo di dare all’uomo la possibilità di eliminare la morte dalla propria esistenza e di creare un essere nuovo con l’aiuto 13
Estratto dalla tesi: American Horror Story e l'immaginario della morte nell'industria culturale