Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disturbo post-traumatico da stress in bambini maltrattati ed abusati

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Martina Bonaccini Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 840 click dal 22/11/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Martina Bonaccini

Mostra/Nascondi contenuto.
    16   1.2.3 Fattori Di Rischio Del PTSD Secondo Il DSM-V Sgarro (1998) in una recente trattazione, sostiene che i fattori di rischio per lo sviluppo di un PTSD sono almeno tre: La gravità oggettiva dell’evento traumatico: “il fattore chiave non è la sola esposizione all’evento, ma il grado del coinvolgimento diretto e la vicinanza al centro fisico dell’evento traumatizzante: maggiore il coinvolgimento, maggiore il rischio di PTSD; questo aspetto suggerisce che nella genesi del disturbo l’elemento di minaccia dell’incolumità abbia un impatto diretto.” Il possibile ruolo di fattori preesistenti relativi all’individuo: “il ruolo della personalità e dei fattori individuali possono rivestire un peso diverso secondo la gravità oggettiva dell’evento.” Alcune caratteristiche della risposta psichica immediata al trauma. 1.2.4 Quadro Clinico E Sintomatologia Del PTSD Prendendo in considerazione il Manuale di Psichiatria (Cassano, 2006) si può constatare che il Disturbo post-traumatico da stress si presenta con un quadro clinico caratteristico e sostanzialemte identico in tutti i pazienti, indipendentemente dalla natura del trauma. “l’aspetto sintomatologico predominante del PTSD è la ripetuta esperienza di rivivere l’evento scatenante, attraverso sintomi intrusivi” (cassano 2006). Infatti spesso i soggetti affetti da PTSD presentano episodi nei quali l’evento traumatico si intromette nella vita attuale. Questo accade nella forma di ricordi vividi, con carattere invasivo, ricorrrente, egodistonico. La caratteristica peculiare è che l’evento spesso si manifesta sottoforma di immagini e che il soggetto rivive oggi la situazione traumatic come se il tempo non fosse passato. I ricordi e le immagini irrompono nella mente senza preavviso e senza agganci alla realtà circostante. Il ricordo si può presentare in forma di incubi durante il sonno, di conseguenza molte persone vivono con angoscia il momento di coricarsi. Meno frequentemente l’esperienza traumatica si presenta in forma di flashback: ossia in episodi dissociativi durante i quali il paziente sente e agisce come se stesse rivivendo l’evento.
Estratto dalla tesi: Disturbo post-traumatico da stress in bambini maltrattati ed abusati