Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'informazione ambientale in Italia: indagine su Tg nazionali, Tgr locali e Twitter

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gaia Del Sal Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 243 click dal 22/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Gaia Del Sal

Mostra/Nascondi contenuto.
19 economico. L’uomo ha così ha acquisito le capacità di trasformare – attraverso lo sviluppo della scienza e della tecnologia – l’ambiente, considerato sia come elemento naturale sia come artificiale creato da lui stesso. È nel suo interesse usare queste potenzialità «con discernimento, può apportare a tutti i popoli i benefici dello sviluppo e la possibilità di migliorare la qualità della vita. Applicato erroneamente o avventatamente, lo stesso potere può provocare un danno incalcolabile agli esseri umani ed all'ambiente». Danni che possono essere ad esempio i«pericolosi livelli d’inquinamento delle acque, dell'aria, della terra e degli esseri viventi; notevoli ed indesiderabili perturbazioni dell'equilibrio ecologico della biosfera; distruzione ed esaurimento di risorse insostituibili e gravi carenze dannose alla salute fisica, mentale e sociale». Possono essere considerati come altri problemi ambientali quelli causati dal sottosviluppo dai paesi cosiddetti del terzo mondo: «milioni di persone continuano a vivere molto al di sotto dei livelli minimi compatibili con una vita umana decente, privi di nutrimento, vestiario, abitazione, istruzione, salute e servizi sanitari adeguati. Perciò i paesi in via di sviluppo devono orientare i loro sforzi verso lo sviluppo, tenendo conto delle loro priorità e della necessità di salvaguardare e migliorare l’ambiente». I paesi industrializzati per contro hanno il dovere di «compiere sforzi per ridurre il divario che li separa dai paesi in via di sviluppo» e di risolvere i loro problemi ambientali generalmente causati dall'industrializzazione e dallo sviluppo tecnologico. In questo punto il Preambolo sembra suggerire un decalogo per regolare «le nostre azioni verso il mondo intero, tenendo conto innanzitutto delle loro ripercussioni sull'ambiente. Per ignoranza o per
Estratto dalla tesi: L'informazione ambientale in Italia: indagine su Tg nazionali, Tgr locali e Twitter