Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche FEM per l’imposizione delle condizioni al contorno basate sui PML e sugli Elementi Infiniti

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Rocco Marrese Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 255 click dal 05/12/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Rocco Marrese

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 13 funzione di x e t può essere espressa con una legge precisa e allora si dice che l’onda è polarizzata. In pratica se le oscillazioni di un'onda trasversale avvengono tutte nello stesso piano, l'onda si dice polarizzata. Più comunemente, le onde trasversali oscillano in tutte le direzioni; in questo caso allora possono essere studiate mediante la loro 'scomposizione' in oscillazioni orizzontali e verticali, o lungo una qualunque altra coppia di direzioni perpendicolari. Così la luce, che consiste di oscillazioni trasversali, può essere polarizzata. Considerando un’onda piana trasversale armonica le componenti si scrivono ξ = ξ sin kx − ωt , ξ = ξ sin kx − ωt + δ in cui δ ha un valore costante. Quando δ = 0 (componenti dell’onda in fase), in ogni punto dell’asse x e in ogni istante il vettore d’onda ha direzione fissa, formante con l’asse y l’angolo tale che tan = ξ ξ = ξ ξ = Se δ = π (componenti dell’onda di opposizione di fase) la situazione è la stessa, solo che la direzione di forma con l’asse y l’angolo – . In un dato istante l’onda è rappresentata da una sinusoide posta in un piano passante per l’asse x e formante l’angolo o (- ) col piano x,y. Detta ξ l’ampiezza dell’onda, le ampiezze delle componenti sono ξ = ξ cos , ξ = ξ sin e le componenti stesse si scrivono ξ = ξ cos sin kx − ωt , ξ = ξ ± sin kx − ωt dove il segno positivo corrisponde a δ = 0 e quello negativo a δ = π. In una giacitura fissata la perturbazione è un’oscillazione armonica nel suddetto piano di giacitura ξ. Quindi come nel caso appena descritto il vettore ha direzione fissa si dice che l’onda piana è polarizzata rettilineamente o linearmente: la direzione fissa di è chiamata direzione di polarizzazione e il piano fisso in cui giace è chiamato piano di polarizzazione.
Estratto dalla tesi: Tecniche FEM per l’imposizione delle condizioni al contorno basate sui PML e sugli Elementi Infiniti