Skip to content

Mondo Padano 3.0

Estratto della Tesi di Andrea Busi

Mostra/Nascondi contenuto.
non può dare. Se alcuni giornalisti sono malfamati dipende dal fatto che un pubblico degno di questo nome pretenderebbe cose che per anni non ha preteso. L'indipendenza non è l'imparzialità ne la neutralità (che non esistono). Chiunque assista ad un'incidente d'auto viene chiamato a testimoniare e si presenta con tutti i testimoni e ciascuno racconta nella buona fede il proprio punto di vista anche se differente dagli altri. Se un giornalista è indipendente è più facile che sia imparziale (ma non neutrale). A un giornalista può piacere qualunque politico ma l'importante è che non sia un dipendente di quel politico altrimenti tutto ciò che dirà potrà essere anche frutto delle sue idee ma la gente non ci crederà anzi si farà l'idea che i giornalisti e i portavoce sono la stessa cosa e che portino l'acqua al mulino del padrone. Il sistema ideale non impossibile da realizzare in Italia è che chi gestisce questioni fondamentali per l'interesse pubblico non possa possedere media per non mettere un giornalista nell'imbarazzo di parlare bene o male del proprio padrone. “Sono dipendente di qualcuno di cui ti sto parlando” . Questa frase andrebbe abolita dal nostro sistema d'informazione. E non si sta chiaramente parlando di Berlusconi e basta. All'ombra di quel grande conflitto di interesse che non si è mai risolto sicuramente si è voluto non risolvere tutti gli altri conflitti di interesse molto più piccoli (o meglio meno grandi) di quello principale. Non è possibile che un cittadino apra le pagine economiche e non sappia che quando decide dove investire i propri risparmi debba essere influenzato da articoli scritti da dipendenti di una banca (editrice di quel giornale). Per quanto quella banca sia onesta ed efficiente. Ma la colpa non è di chi lavora per quegli editori. Non deve succedere mai che un giornalista debba trovarsi nella situazione di scrivere del proprio editore in quanto soggetto politico o soggetto pubblico. Le banche sono private ma sono soggetti pubblici (perchè amministrano soldi dei cittadini) e non dovrebbero possedere giornali. Ovviamente un partito ha il diritto e dovere di comunicare con i propri elettori attraverso mezzi di informazione, ma è errato un sistema in cui denaro pubblico venga utilizzato per finanziare cartacei di partito, per quanto quel partito sia seguito e onesto al suo interno. Il conflitto di interesse è quindi la malattia che distrugge l'economia e la libertà d'informazione. Perchè esso è un condizionamento in più di cui si può tranquillamente fare a meno. Poi ci sono i condizionamenti ineliminabili che il giornalista ha in quanto persona. Il primo è la sua cultura, la sua formazione, i suoi pregiudizi, le sue idee. Quelle non si possono cancellare. Ecco perchè quando un giornalista scrive deve mettere bene in chiaro come la pensa così i lettori quando leggono i suoi pezzi ne tengono conto. E' un fatto di onestà dire come la si pensa. Basta che le idee del giornalista siano le sue e non quelle dell'editore. Un conto è un editore che ha interessi pubblici che non dovrebbe poter fare l'editore un conto è che si chiami per esempio Garzanti. Alcuni condizionamenti sono inevitabili, internet è sicuramente libero ma è comunque condizionato dai banner pubblicitari, ma bisogna lavorare per non averne di nuovi come ad esempio gli editori politici o imprenditori. Appartenere solo a se stessi e ai propri lettori. Lo diceva Montanelli. Le querele si dividono in due categorie: quelle per i giudizi anche terribili che un giornalista da (quelle di reato d'opinione) e quelle per aver scritto il falso. Faccio un esempio. Un calciatore ha mostrato una maglietta su cui era scritto “il mio amico è innocente” riferendosi ad un amico che lui riteneva innocente ma condannato dal tribunale. A quel calciatore è stata stroncata la carriera per reato d'opinione. Ed andrebbe abolito. Altra cosa è lo scrivere il falso. Quello si che andrebbe severamente punito. Ma come si distinguono la diffamazione in buona fede da quella in mala fede? Dalla rettifica. Se si esprime un'opinione nessuno può chiedere la rettifica. Michael Moore ha addirittura intitolato un libro “Stupid white man” dedicato a Bush. Ma quest'ultimo non si è nemmeno sognato di querelare Moore per la parola “Stupid” poiché riteneva libero Moore di pensare e scrivere che lui era stupido. Questo è un paese in cui un giornalista può essere querelato solo se scrive che un politico ha una cravatta storta. I giornalisti che mentono sapendo di mentire andrebbero puniti, ma non 9
Estratto dalla tesi: Mondo Padano 3.0

Estratto dalla tesi:

Mondo Padano 3.0

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Busi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Graphic Design
  Facoltà: Graphic Design
  Corso: Graphic Design
  Relatore: Federico Badinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi