Skip to content

La legislazione penale contro la libertà religiosa nell'Impero romano - cristiano

Estratto della Tesi di Domenico Giglio Sarlo

Mostra/Nascondi contenuto.
professare una religio illicita e richiesti dai magistrati imperiali di abiurare, ad affermare «Christianus sum» con l’irriducibile convinzione che una proclamazione del genere era destinata a sovrapporsi, sostituendola, alla precedente orgogliosa proclamazione dei sudditi dell’Impero, «Civis romanus sum». Un’efficace testimonianza di questa incrollabile determinazione si rinviene negli Atti dei Martiri Scillitani. Si trattava di un gruppo di dodici cristiani di Scilli, località della Numidia (corrispondente all’attuale nordest dell’Algeria), che il 17 luglio 180 furono condotti a Cartagine, dinanzi al proconsole Saturnino, per rispondere dell’accusa di professare la fede cristiana. Il rappresentante imperiale offrì loro più volte e in vari modi la possibilità di discolparsi, invitandoli a giurare per «il genio del nostro sovrano» e a rivolgere agli dei «suppliche per la sua salvezza». Gli accusati rifiutarono inflessibilmente qualsiasi adesione, anche la più blanda, a quell’esortazione. Saturnino prospettò allora l’opportunità di un rinvio del procedimento così che ciascuno dei convocati disponesse di un adeguato spazio di riflessione. Anche quella proposta fu fermamente respinta. Il proconsole chiese allora a Sperato, uno degli accusati, se persistesse a dichiararsi cristiano. Egli rispose di sì e tutti gli altri assentirono. Constatata l’impossibilità di qualunque mediazione, Saturnino pronunciò la condanna dei convenuti alla morte per decapitazione. Nartzalo, un altro di costoro, ringraziò il Signore per la grazia che in tal modo faceva a lui ed ai suoi compagni 26 . Il consolidamento dei Cristiani nel terzo secolo Il terzo secolo fu il periodo in cui, come si è sinteticamente esposto nei paragrafi precedenti, l’Impero conobbe la sua massima crisi e vide quindi indebolirsi non solo la propria consistenza economica, militare ed organizzativa ma anche la propria compattezza ideologica. Mentre dunque l’Impero, lasciati alle spalle gli antichi fasti, combatteva per sopravvivere e difendere ciò che rimaneva della sua identità, la comunità cristiana si organizzava e si consolidava, diventando progressivamente più forte e compatta. Si trattò di un disegno di vasto respiro che riguardò pressochè ogni aspetto della vita cristiana, da quelli più squisitamente dottrinali a quelli che avevano a che fare con la gestione di una comunità che diventava sempre più fitta. Furono anzitutto messe a punto in modo assai più efficace e coerente che in passato la dottrina e la liturgia. Si affinò l’apologetica, cioè la parte della teologia cui era affidato il compito di affermare la coerenza razionale e la credibilità della fede cristiana e di distinguerla e difenderla da dottrine non perfettamente ortodosse o addirittura eretiche. Ebbe un’enorme importanza in questo ambito il Concilio di Nicea del 325 i cui risultati portarono all’affermazione del “Credo niceno”, cioè la summa delle proposizioni dottrinali cui la Chiesa cattolica assegnò valore dogmatico. Come è ovvio, la crescente e sempre più dettagliata definizione della dottrina cristiana fu al tempo stesso l’effetto e la causa di conflitti con gli altri credi religiosi, eretici o pagani che fossero. Nel frattempo si accentuava la convinzione dei cristiani di essere un genus differente ed alternativo rispetto a tutti coloro che rimanevano estranei alla loro fede ed al loro modo di intendere la presenza umana nella storia. Si creava in tal modo una sorta di 26 Per un’analisi dell’atteggiamento di assoluta intransigenza dei cristiani e della sua inconciliabilità con la vigente legislazione imperiale, si vedano: Silvia Ronchey, Gli atti dei martiri tra politica e letteratura, in A. Momigliano e A. Schiavone (a cura di), Storia di Roma, III/2. I luoghi e le culture, Torino, Einaudi, 1993, pp. 781-825 Felice Costabile, Storia del diritto pubblico romano, op. cit., pagg. 416 e ss. 13
Estratto dalla tesi: La legislazione penale contro la libertà religiosa nell'Impero romano - cristiano

Estratto dalla tesi:

La legislazione penale contro la libertà religiosa nell'Impero romano - cristiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Giglio Sarlo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Reggio Calabria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Felice Costabile
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cristianesimo
paganesimo
libertà religiosa
impero romano - cristiano
persecuzioni religiose
legislazione penale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi