Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La progettazione partecipata nella gestione del territorio: il caso della pista ciclabile Treviso-Ostiglia

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Agraria

Autore: Andrea La Rosa Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 414 click dal 23/12/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea La Rosa

Mostra/Nascondi contenuto.
25 4.1. Partecipazione e coinvolgimento del cittadino L’obiettivo di gestire un’infrastruttura ciclabile al fine di valorizzarne la funzione ricreativa per i residenti e turistica per gli ospiti richiede un complesso processo di coinvolgimento di portatori di interesse. Il primo passo da compiere nel momento in cui ci si approccia ad una progettazione partecipata è decidere chi coinvolgere, ovvero identificare gli stakeholder. Gli stakeholder sono quelle persone od organizzazioni interessati agli sviluppi della politica, del progetto o più in generale dell’argomento di cui si tratta. Le motivazioni che spingono gli attori alla partecipazione possono essere molteplici e questo consente di categorizzare i portatori di interesse e conseguentemente regolare l’approccio (più o meno tecnico) nei loro confronti a seconda che essi siano esperti, professionisti o cittadini. Una stakeholder analysis consente alla figura del facilitatore di gestire al meglio il contenuto, le dinamiche del gruppo di portatori di interesse e lo stesso evolversi della tecnica che sta usando. La varietà di strumenti, tecniche e metodi per mettere in atto una progettazione partecipata è piuttosto ampia. Come già anticipato nei capitoli precedenti questi strumenti non vanno utilizzati in maniera rigida ma devono essere mixati e calibrati in base alla situazione che di volta in volta si presenta. Ciò presuppone una certa flessibilità sia degli strumenti, sia di chi li usa. Ciò premesso, vengono passati in rassegna in maniera succinta le principali tecniche di coinvolgimento che vengono ad oggi comunemente utilizzate. Focus Group La tecnica del focus group consiste nel raggruppare un gruppo di persone interessate ad un argomento preciso in modo che queste, accompagnate dal facilitatore, interagiscano tra di loro e discutano in merito ad un problema o un progetto specifico. In genere l’utilizzo di questa tecnica prevede un pubblico selezionato di stakeholder non troppo vasto (dalle 6 alle 12
Estratto dalla tesi: La progettazione partecipata nella gestione del territorio: il caso della pista ciclabile Treviso-Ostiglia