Skip to content

La terza via nella gestione delle crisi d'impresa: gli accordi di ristrutturazione dei debiti

Estratto della Tesi di Alessandro Scanferla

Mostra/Nascondi contenuto.
13 1.2 Crisi, Insolvenza e Autonomia negoziale. 1.2.1 Dalla legge delle XII tavole al r.d. 16 Marzo 1942, 267: cenni sull’evoluzione della legislazione in abito fallimentare. Nello studio della storia del diritto 4 si riscontra che la situazione di insolvenza ha sempre evidenziato una risposta fortemente negativa da parte della comunità sociale e conseguentemente anche dal legislatore. Il confronto con questa dinamica incidentale nel rapporto economico tra due soggetti affonda le proprie radici agli albori della società umana, sviluppando però le prime importanti formulazione scritte nel diritto romano in epoca repubblicana e più specificamente nella legge delle XII Tavole del 450 a.C.. Dall’analisi di questa primordiale fonte normativa si deduce che il mancato pagamento dei debiti, risultanti da sentenza o confessione, comportava contro il debitore una procedura di carattere principalmente penale la cui esecuzione (contro la persona del fallito che, in mancanza di qualcuno che giungesse in suo soccorso, poteva essere ucciso o venduto come schiavo al fine di appropriarsi del suo patrimonio) veniva lasciata nella totalità in mano ai creditori. Qualora questi ultimi fossero una pluralità, la legge garantiva ad essi il diritto di ripartirsi tanto il patrimonio del debitore, o l’equivalente prezzo di vendita dello stesso, quanto le membra dell’insolvente una volta ucciso a rivalsa del credito vantato. Ciò che emerge da questa pratica è l’assenza di una nozione di insolvenza come situazione a carattere generale coinvolgente più creditori, poiché tale procedura era esclusivamente orientata al rapporto tra creditore e debitore in senso atomistico. Con la successiva Lex Poetelia Papira del 326 a.C. 5 si ha una parziale 4 Significativo per lo sviluppo di questa tematica il lavoro di G. B. Portale il quale partendo dalla pratica medioevale della <> (la quale prevedeva che il debitore insolvente calate in pubblico le braghe battesse colle natiche tre volte sopra la balata o pietra del vituperio pronunciando per tre volte le parole “cedo bonis”), sviluppa l’argomento mostrando l’evoluzione delle procedure esecutive in caso di fallimento del debitore dalle prime statuizioni repubblicane romane fino alle attuali formulazioni. G. B. Portale in Dalla <> alle nuove concezioni del fallimento e delle altre procedure concorsuali, contributo al lavoro Autonomia negoziale e crisi d’impresa a cura di F. Di Marzio e F. Macario, Giuffré, 2010. Per uno studio più approfondito v.d. M. Marrone in Istituzioni di diritto romano, Palumbo Editore, 2006. 5 La quale introdusse una prima distinzione tra inadempimento in mala fede o incolpevole e abolì il Nexùm con cui il debitore si asserviva al creditore a garanzia del prestito.
Estratto dalla tesi: La terza via nella gestione delle crisi d'impresa: gli accordi di ristrutturazione dei debiti

Estratto dalla tesi:

La terza via nella gestione delle crisi d'impresa: gli accordi di ristrutturazione dei debiti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Scanferla
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Mauro  Pizzigati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fallimento
autonomia negoziale
concordato preventivo
crisi economica
crisi impresa
accordi ristrutturazione debito
tutela pubblicista
soluzione negoziale crisi impresa
piani attestati di risanamento
182 bis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi