Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hitler e la manipolazione delle masse: fotografia e rappresentazione nel culto della personalità

Laurea liv.I

Facoltà: Arti, Patrimoni e mercati

Autore: Diana Sganzerla Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2509 click dal 10/01/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Diana Sganzerla

Mostra/Nascondi contenuto.
7 L’uso dell’immagine e il culto della personalità in Germania Analizzare e comprendere ciò che rese il terreno fertile per lo sviluppo del regime del Terzo Reich è essenziale per capire sia l’ideologia nazista che la figura stessa di Adolf Hitler. Come fu possibile che, in un periodo così breve, un solo uomo sia riuscito ad instaurare una dittatura a partito unico e condurre l’Europa attraverso il periodo più tragico del XX secolo? La Germania agli inizi del Novecento era considerata una delle nazioni più avanzate e dinamiche dell’epoca che però, dietro questa facciata superficiale, celava un profondo laceramento causato da crisi economiche, sociali e politiche, lo scoppio del primo conflitto mondiale, il conseguente trattato di Versailles e la Repubblica di Weimar. Ma oltre a queste cause, come largamente esposto da Richard J. Evans nella sua opera La nascita del Terzo Reich, 9 è necessario allargare la prospettiva includendo anche gli eventi sociali, psicologici, inerenti alla quotidianità del popolo tedesco. Per questo motivo, in questo primo capitolo la mia analisi si concentra su quali siano le basi storico-culturali del nazismo e come l’uso delle immagini sia stato un veicolo fondamentale per la diffusione dell’ideologia e l’accrescimento del culto della personalità del Führer. 1.1 La nazionalizzazione delle masse: miti e simboli del culto politico La nazionalizzazione delle grandi masse non può verificarsi mediante mezze misure o con l’accentuazione della cosiddetta oggettività, ma soltanto con una fanatica, unilaterale e risoluta impostazione, nei riguardi della meta da raggiungere. 10 Nel 1975 George L. Mosse, uno storico tedesco di famiglia ebraica nazionalizzato statunitense, pubblicò il libro The nationalization of the masses; political symbolism and mass movements in Germany from the Napoleonic wars 9 Evans R. J., La nascita del Terzo Reich, Mondadori, Milano, 2005 10 Hitler A., Mein Kampf, Biblioteca storica documenti, Società europea di edizioni, Il Giornale, 2016
Estratto dalla tesi: Hitler e la manipolazione delle masse: fotografia e rappresentazione nel culto della personalità