Skip to content

Impatto della stereochimica sull’inibizione dell’Anidrasi Carbonica da parte di nuovi derivati del Probenecid

Estratto della Tesi di Federica Nisi

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Il passaggio limitante del ciclo catalitico è rappresentato dalla generazione della specie Zn idrossido. In molte isoforme e probabilmente in molte classi di enzimi, tale processo è assistito da un residuo di His presente nel sito attivo. Per esempio, la hCA II, con una k cat /K m pari a 1.5 x 10 8 M -1 s -1 , è uno degli enzimi più attivi che si conoscano, con una velocità di reazione prossima a quella di diffusione e presenta il citato residuo His64 che permette di accelerare questo processo agendo da “proton shuttle” nella rimozione del protone dalla molecola d’acqua e rendendo l’enzima notevolmente più efficiente. 13, 2 Per le altre famiglie geniche rimane molto probabile il meccanismo descritto, fatta eccezione per alcune isoforme β nelle quali non si osservano molecole d’acqua coordinate direttamente con lo Zn. Capitolo 2: GLI INIBITORI DELL’ANIDRASI CARBONICA Dalle osservazioni riportate nel paragrafo precedente consegue l’importanza che riveste la possibilità di modulare l’azione delle varie isoforme della hCA. Come riportato, le varie isoforme dell’anidrasi carbonica sono coinvolte in diverse condizioni patologiche; bisogna sottolineare, però, che i CA-inibitori attualmente in uso non mostrano selettività per uno specifico isoenzima. Quindi, ideare inibitori selettivi verso specifiche isoforme potrebbe costituire una tappa fondamentale per lo sviluppo di nuove classi di farmaci privi degli effetti indesiderati imputabili, appunto, all’inibizione di isoenzimi che non costituiscano il target d’interesse, cosa che spesso accade in presenza di isoforme ubiquitarie. Gli inibitori della CA sono stati originariamente utilizzati come diuretici, agenti antiglaucoma, antiepilettici e nella gestione di mal di montagna, mentre una nuova generazione di composti sono sottoposti a indagine clinica come antiobesità e farmaci antitumorali/strumenti diagnostici. L’approccio più comune al momento è l’inibizione enzimatica. Per un lungo periodo l'unico meccanismo di inibizione CA nota è quello illustrato in figura 5, con gli inibitori leganti lo ione metallico tali da generare una geometria
Estratto dalla tesi: Impatto della stereochimica sull’inibizione dell’Anidrasi Carbonica da parte di nuovi derivati del Probenecid

Estratto dalla tesi:

Impatto della stereochimica sull’inibizione dell’Anidrasi Carbonica da parte di nuovi derivati del Probenecid

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Nisi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Chimica e Tecnologia Farmaceutiche
  Relatore: Simone Carradori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi