Skip to content

L'architettura come processo di filiera in ambito europeo: valorizzazione della risorsa legno in edilizia - Le progettualità nel sistema territoriale piemontese

Estratto della Tesi di Albana Lala

Mostra/Nascondi contenuto.
11 1.2 La strada per la valorizzazione In generale, questo lavoro ha lo scopo di mostrare la situazione relativa all’edilizia sostenibile che utilizza componenti in legno. La scelta è stata dettata dai nuovi principi che negli ultimi anni hanno fatto la loro comparsa sempre più importante, come anticipato: sostenibilità, efficienza energetica con costi ridotti e con attenzione all’ambiente, senza tuttavia trascurare gli aspetti di economia e società. Si è sempre considerata l’edilizia tradizionale, quella fatta in mattoni e cemento armato, come l’alternativa maggiormente idonea a rispondere alla domanda dell’abitare perché legata ai processi di industrializzazione che negli ultimi secoli hanno rivoluzionato il mondo: ma non ci si può più permettere di continuare su questa strada che tende ad attingere a fonti non rinnovabili per produrre alla fine un rifiuto. Osservando l’ambiente che ci circonda possiamo osservare come la natura da sempre abbia messo a disposizione dell’uomo una grande quantità di risorse che, dalla rivoluzione industriale alle nuove tecnologie, le nuove economie e le conseguenti nuove domande, hanno sempre di più trascurato e, anzi, talvolta le hanno apportato un contributo negativo, in seguito a cui sono emerse con prepotenza, necessità nel dover invertire il senso di marcia, come noto negli ultimi anni, e come si sta impegnando tutto il mondo, questioni già ribadite nelle premesse. Un’importante risorsa è fornita all’uomo dalle foreste e dai boschi che ricoprono una quota consistente della superficie terrestre, apportando tutti i benefici noti. Queste sono popolate da innumerevoli specie di piante, alberi dal cui fusto può essere ricavato il materiale che fin dall’antichità è alla base della vita dell’uomo che <> (cfr. M. Corona, Portare un po’ di bosco in casa, presentazione; in S. Giacometti. Come ho costruito la mia casa di legno, Arezzo, Compagnia delle Foreste, 2011, pag. 5). Se da una parte emerge la versatilità del legno e dei suoi utilizzi, dall’altra intrinsecamente il legno ha un potenziale importante legato ad una questione fondamentale per la situazione globale attuale: i crediti di carbonio. Infatti legare l’architettura delle costruzioni in legno con la filiera di produzione è determinante visto il beneficio ambientale che i boschi che per crescere, naturalmente catturano anidride carbonica come noto; la valorizzazione di questo potere naturale deve anzitutto guardare al primo anello della trafila, cioè la selvicoltura e la gestione forestale che permettono di attingere ad un materiale naturale di alta qualità, e destinarlo a trasformazioni successive diffondendo prodotti in legno. Questi hanno un potenziale in termini di riserva di carbonio (carbon sink), che le politiche ambientali hanno tenuto in grande considerazione perché <> (Sesto programma di azione per l’ambiente 1 , pag. 27); <> (Sesto programma di azione per l’ambiente, pag. 36) (cfr. C. Piccardo, Sostenibilità degli edifici in legno. Indirizzi per la progettazione, Francoangeli, 2015, pag. 42). Ecco emergere il valore ambientale di creare filiere produttive locali per valorizzare il bene naturale e potenziarne le qualità, che se reimmesso nel ciclo viene certificata offrendo in tal senso una garanzia. Ebbene, osservando il panorama europeo certo vi sono nazioni e regioni che hanno una cultura e una tradizione del legno favorita dall’abbondanza di materia prima e, come detto all’inizio di questa presentazione, sono state aiutate dalla propria morfologia: Austria e Germania nella parte centrale, per arrivare fino ai paesi nordici della penisola scandinava quali Svezia, Danimarca, Norvegia. L’interrogativo sorge spontaneo: qual è la situazione italiana? ebbene qui di seguito verrà presentata la filiera del legno, strada da intraprendere in tutte le sue parti per valorizzare e contribuire positivamente allo sviluppo dei territori che devono rivolgersi in questo senso alle risorse locali. Bisogna cercare dunque di perseguire comunemente l’obiettivo di valorizzazione della filiera bosco-legno, ed in particolare quella relativa al bosco-legno-edilizia. E’ necessario accorciare le filiere stesse perché solo in questo modo vi possono essere ricadute positive per i territori: utilizzare legno locale significa 1 Sesto programma comunitario di azione per l'ambiente, su decisione del Parlamento europeo e del Consiglio europeo, "Ambiente 2010: il nostro futuro, la nostra scelta" copre il periodo compreso tra il 22 luglio 2002 e il 21 luglio 2012. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, 10.9.2002
Estratto dalla tesi: L'architettura come processo di filiera in ambito europeo: valorizzazione della risorsa legno in edilizia - Le progettualità nel sistema territoriale piemontese

Informazioni tesi

  Autore: Albana Lala
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura per il progetto sostenibile
  Relatore: Guido Callegari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 312

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione tecnologica
rete di imprese
filiera legno
legno locale
samuele giacometti
cluster legno
tecnologia legno
cluster legno piemonte
tecnologia xlam
tecnologia lamellare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi