Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lezione di Adriano Olivetti: il welfare aziendale e la partecipazione nelle imprese Workers' Buy Out

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Anita Cezza Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5421 click dal 10/02/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Anita Cezza

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Dopo la morte di Olivetti, avvenuta nel 1960, la grande svolta: nacque il Programma 101, calcolatore elettronico, antenato degli attuali computer. Il successo fu planetario, l’intuizione del team capitanato da Pier Giorgio Perotto fu geniale: un calcolatore di largo consumo, per uso quotidiano, da utilizzare a casa. Iniziò in questo modo la conversione dalla meccanica all’elettronica, già favorita dalla joint venture con General Electric. I successi portarono la Olivetti ad espandersi continuamente e a raggiungere nel 1970 quota 73.283 dipendenti, di cui 34.687 in Italia e il resto nelle 17 consociate estere, con 10 stabilimenti in giro per il mondo (tra cui Argentina, Brasile e Stati Uniti d’America), 11 nella penisola e una serie di Centri di ricerca (come quello di Cupertino, in California) 3 . Già dalla metà degli anni sessanta il capitale azionario si era aperto a nuovi investitori, il ricorso alle banche era aumentato e il ruolo della famiglia Olivetti era stato ridimensionato. Si trattava di un passo che Camillo non avrebbe mai accettato, come racconta lo stesso Adriano: “Mio padre […] disprezzava la struttura capitalistica, il sistema bancario, la finanza, la borsa, i titoli. Mio padre era dominato dall’idea dell’indipendenza, del non dover niente a nessuno […]. Perciò procedeva con estrema cautela e prudenza, adeguando lo sviluppo dell’azienda alle proprie risorse finanziarie e alla personale attività organizzativa” (Olivetti, 2014, p. 15). Nel 1978 arrivò l’ingegner Carlo De Benedetti, che procedette a vari aumenti di capitale e che si concentrò sul business dei personal computer aggiungendovi quello delle fotocopiatrici e delle telecomunicazioni 4 . Negli anni ottanta vennero lanciati due pc che registrarono performance di vendita positive, l’M20 e l’M24, nel tentativo di rincorrere Ibm. Da un lato un management troppo orientato agli obiettivi di breve periodo e focalizzato ad ingraziarsi l’ingegnere, dall’altro la frammentazione in Indipendent Business Units che mancavano di un atteggiamento collaborativo, contribuirono a minare il clima aziendale e non diedero seguito al successo del Pc M24 (Novara, 2004). Dagli anni novanta in poi gli sforzi si concentrarono nel mercato delle telecomunicazioni, fino alla scalata e alla fusione con Telecom avvenuta nel 2003. Per continuare ad operare in quello delle fotocopiatrici e in quello dei personal computer nacque Olivetti Tecnost che nel 2009 iniziò a lanciare notebook e netbook. 3 Associazione Archivio Storico Olivetti, Cronologia Olivetti. Disponibile su: http://www.storiaolivetti.it/percorso.asp?idPercorso=611 [Data di accesso: 25/6/2016] 4 Associazione Archivio Storico Olivetti, Cronologia Olivetti. Disponibile su: http://www.storiaolivetti.it/percorso.asp?idPercorso=612 [Data di accesso 25/06/2016]
Estratto dalla tesi: La lezione di Adriano Olivetti: il welfare aziendale e la partecipazione nelle imprese Workers' Buy Out