Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qualità e sicurezza delle cure: ruolo e competenze dell'infermiere.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Daniele Tizzano Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1898 click dal 02/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Daniele Tizzano

Mostra/Nascondi contenuto.
26 conseguenze del danno in termini di loss e su come possiamo gestire gli eventi avversi in termini di libertà e risparmio.  Losses (infermiere): 1 anno di reclusione più il pagamento di parte delle spese processuali e parte delle spese sostenute dalla parte civile. L’infermiera del caso si è difesa utilizzando una pessima modalità: giustificandosi, attraverso gli art.1 e 2 del D.P.R. del 14/03/1974 n°225 e con la circolare n°28 del 12/04/1986, della mancata verifica della prescrizione medica. L’infermiera con la sua difesa affermava che al suo ruolo svolto non competeva la richiesta di chiarimenti sulla terapia in quanto non possedeva le conoscenze necessarie. Infatti si sosteneva il concetto del “mansionario”, dove la figura dell’infermiere era vista solo come preparatore del flacone, un mero esecutore materiale senza possibilità di fare riflessioni sulle prescrizioni. Ovviamente con l’evoluzione professionale e legislativa della professione infermieristica , resa necessaria dal contesto che viviamo, è inaccettabile e illegale riferirsi al mansionario. Leggendo il “profilo professionale infermiere” D.M. 14 settembre 1994 n°739 all’ art.3 al punto D che recita: “garantisce la corretta applicazione delle indicazioni diagnostico-terapeutiche” si capisceche la tesi sostenuta dall’ infermiere è sconsiderata oltre che inutile. Al punto F sempre dell’ art.3 che dice: “per l’espletamento delle funzioni si avvale, ove necessario, dell’opera del personale di supporto”. L’infermiere avrebbe potuto avvalersi dell’aiuto dell’infermiere generico che oggi chiamiamo “Operatore Socio Sanitario (OSS)”, ma solo per farsi aiutare in qualche manovra in cui comunque
Estratto dalla tesi: Qualità e sicurezza delle cure: ruolo e competenze dell'infermiere.