Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bambino con Deficit di attenzione e iperattività a scuola. Valutazione, strumenti e strategie educative

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Luana Puzzo Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3189 click dal 17/02/2017.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luana Puzzo

Mostra/Nascondi contenuto.
10 In determinate situazioni sociali l’impulsività può inoltre sommarsi alle difficoltà già presenti, rendendo molto difficile stabilire e mantenere relazioni di amicizia. Intromettersi, dire la cosa sbagliata senza pensarci e picchiare gli altri bambini perché se ne prova l’impulso( spesso senza valide giustificazioni), può causare disastri in campo sociale, con la conseguenza che il bambino è respinto proprio dagli amici dei quali disperatamente desidera la compagnia. La manifestazione impulsiva, nel soggetto con ADHD, è una caratteristica che rimane abbastanza stabile durante lo sviluppo( sebbene conosca diverse forme) e sarà presente anche in età adulta. In genere, se prevalgono le problematiche relative alla disattenzione, si riscontrano problemi di apprendimento scolastico, mentre se predominano l’iperattività/impulsività, sono prevalenti le difficoltà di adattamento sociale. 1.2 I Criteri diagnostici di classificazione 1.2.1 I sistemi di classificazione(DSM IV, DSM V, ICD-10): osservazioni e confronto In che modo si distingue la fisiologica vivacità di un bambino da un comportamento iperattivo? Quando dobbiamo sospettare un disturbo strutturato, che non recede con il semplice passare del tempo ma richiede un approfondimento specialistico? I criteri riportati nei sistemi nosografici permettono di rispondere con sufficiente affidabilità a questi interrogativi. I due sistemi di classificazione( o gruppi di criteri diagnostici) attualmente in uso, nei quali è contenuta la descrizione del disturbo, sono il sistema di classificazione dell’organizzazione mondiale della sanità (The International Classification of Diseases; 10.a edizione o ICD-10) e il sistema di classificazione pubblicato dall’Associazione degli Psichiatri Americani( The Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 5.a edizione o DSM-V). I criteri diagnostici utilizzati dai medici sono costantemente aggiornati e migliorati. Prima dell’ attuale versione DSM 5, IL DSM –IV ha rappresentato per anni il punto di riferimento per stabilire una diagnosi di ADHD.
Estratto dalla tesi: Il bambino con Deficit di attenzione e iperattività a scuola. Valutazione, strumenti e strategie educative