Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Food Care Giver

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Lorena Giuseppina Ricciardello Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 374 click dal 09/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Lorena Giuseppina Ricciardello

Mostra/Nascondi contenuto.
18 1.4. ASPETTI CORRELATI AL CARE GIVER La sorveglianza continua, la difficoltà di rapporto e di comprensione con il proprio assistito rendono i compiti di cura e assistenza molto gravosi. Prendersi cura di una persona è un'esperienza che è accompagnata da diverse emozioni, alcune anche molto dolorose. I compiti di assistenza e cura possono logorare il care giver che può cominciare ad accusare disagi psicologici come ansia, agitazione, insonnia o depressione. Affinché il care giver possa prendersi cura al meglio del proprio assistito è bene che riesca a prendersi cura di se stesso. Assistere, sorvegliare, accudire una persona malata è un compito che può portare sì delle soddisfazioni ma indubbiamente è un compito pesante. Diversamente educare, affiancare una persona sana in un piano di educazione terapeutica porta più facilmente ad appagamenti. Per il care giver informale è realmente un compito oneroso, difficile, appassionante e considerevole, in cui lo sforzo sta nel trovare l’equilibrio tra i diversi bisogni e necessità: la necessità di informarsi sulla patologia per conoscerla, sapere come evolverà e come prevenire ulteriori problematiche, la necessità di tutelare la dignità della persona assistita nel rispetto della sua personalità e delle sue idee, la necessità di mantenere la salute mentale dello stesso care giver che tende a coinvolgersi e, se è un familiare, ad annullarsi, a sacrificare il proprio ruolo perdendo il canale comunicativo e il contatto affettivo del legame. E’ chiamato a rispondere ai bisogni dell’assistito a diversi livelli quali quello sanitario, emotivo, finanziario, spirituale. Relativamente al care giver formale, la sindrome del “burn-out” è tipica delle helping profession - le professioni d’aiuto - alle quali è richiesta la
Estratto dalla tesi: Food Care Giver