Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uno studio sperimentale sullo sviluppo mentale della percezione della simmetria e delle ombre.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Maria Teresa Scarlatella Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 155 click dal 24/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Maria Teresa Scarlatella

Mostra/Nascondi contenuto.
1.1.4 Simmetria e bellezza Filosofi e storiografi generalmente concordano sul fatto che la simmetria sia attrattiva, ma che allo stesso tempo ci sia una sterile rigidità in essa che la rende meno affascinante della più dinamica e meno prevedibile bellezza associata con l'asimmetria. Spesso, la simmetria di un oggetto attiva il piacere estetico ma a volte è proprio la sua mancanza a fare sì che un oggetto risulti esteticamente apprezzabile (Mc Manus, 2005). La simmetria, è anche il maggiore determinante in materia di giudizio estetico anche in oggetti artificiali e bidimensionali. (Eisenman, 1967; Eisenman & Gellens, 1968; Jacobsen & Hofel, 2003; Jacobsen, Schubotz, Hofel & van Cramon, 2006; Tinio & Leder, 2009). Già Aristotele nel libro XIII della metafisica (Smith & Ross, 1908) e Charles Darwin nelle “Origini dell'uomo e la selezione sessuale” avevano scritto che l'essere umano preferisce i motivi simmetrici. Successivamente, le ricerche psicologiche dei secoli passati hanno dimostrato ripetutamente che gli stimoli simmetrici non sono preferiti, bensì percepiti più velocemente, distinti più accuratamente e spesso ricordati meglio rispetto a quelli non simmetrici. (Adams, Fitts, Rappaport, Weinstein 1954; Arnheim 1974; Berlyne, 1971; Garner & Sutliff, 1974; Gibson, 1929; Koffka, 1935; Pomerantz, 1977; Valentine, 1925). 1.1.5 Studi sperimentali Larissa Vingilis-Jaremko, Daphne Maurer del dipartimento di Psicologia, Neuroscienze e Comportamento dell'Università di McMaster hanno condotto un esperimento nel quale hanno analizzato i cambiamenti nel giudizio dell'attrattiva legata alla simmetria. Hanno mostrato ad adulti e bambini gli stimoli in figura 4 costituiti da coppie di visi uguali nei quali un volto veniva trasformato esagerando la simmetria del 75% mentre nell'altro veniva aumentata l'asimmetria del 75%. 13
Estratto dalla tesi: Uno studio sperimentale sullo sviluppo mentale della percezione della simmetria e delle ombre.