Skip to content

Il Tempo del Sogno. Riferimenti temporali nei contenuti onirici

Estratto della Tesi di Claudio Colombo

Mostra/Nascondi contenuto.
8 autoreferenziale, è una categoria concessa a priori che spiega l’assenza del bisogno di vedere, sentire, toccare il trascorrere di un’ ora, di un giorno, di un anno. A livello cerebrale il senso del tempo non è legato esclusivamente a un singolo organo, ma è correlato all’attivazione di più reti e aree cerebrali, che a seconda degli stimoli da elaborare funzionano più o meno separatamente, tanto che <> (Benini, 2012, p. 103). Le aree più importanti sembrano essere le regioni corticali pre-frontali, in particolare a destra, i lobi parietali, il cervelletto, la parte anteriore della corteccia cingolata, l’insula e i gangli della base. Un ruolo chiave sembra essere svolto dall’ippocampo, crocevia d’informazioni provenienti da circuiti differenti (vita emotiva, razionale e della coscienza). Inoltre nell’ipotalamo risiede ciò che i neurologi definiscono come un vero e proprio orologio biologico, sede del controllo dei cosiddetti ritmi circadiani, alla base della regolazione del sonno e della veglia. Lo studio del comportamento di pazienti con lesioni cerebrali è una dimostrazione indiretta dell’origine ne rvosa del tempo, così che pazienti con lesione del cervello in determinate aree mostrano distorsioni o perdita di questa categoria. Un esempio significativo è rappresentato dai soggetti colpiti da malattie degenerative, come il Morbo di Parkinson e affetti dalla Corea di Huntington, i quali presentano nel corso della degenerazione della malattia evidenti difficoltà nella stima temporale, arrivando spesso in ritardo e perdendo la capacità di valutare la durata di normali attività (Papagno, 2014). Lo studio del sonno permette di ottenere nuove conferme a favore della natura cerebrale dello scorrere degli eventi, tanto che il senso del tempo non solo è manifesto nella veglia, ma è anche presente in assenza di consapevolezza (Uchiyama, Tagaya & Aritake, 2004). Il fenomeno dell’autorisveglio può essere considerato come una dimostrazione della presenza di un orologio interno situato nel cervello, che rende possibile la stima d’intervalli temporali anche all’interno del sonno ( Aritake, Uchiyama, Tagaya et al., 2004). Numerose dimostrazioni provengono da studi condotti su più campioni provenienti da diverse popolazioni, che mostrano come ben il 70% degli esseri umani, aventi una motivazione rilevante ad alzarsi presto, si svegli a un’ora precisa del mattino dopo un s onno indisturbato senza sveglia, con uno scarto di circa quindici minuti rispetto all’ora prestabilita (Bell, 1980). Dato ancora più interessante è che circa 1/3 di questi si svegli dieci minuti prima che la sveglia suoni, e che addirittura 1/5 non utilizzi mai la sveglia. Preparare la sveglia prima di addormentarsi comporta l’allocazione di risorse attentive da parte del soggetto, con il conseguente aumento di corticotropina, ormone prodotto dall’ipofisi, nel sangue prima del risveglio (Born, Kirst en Hansen, Lisa Marshall et al., 1999). In uno studio del 1979 (Lavie, Oksenberg & Zomer) fu
Estratto dalla tesi: Il Tempo del Sogno. Riferimenti temporali nei contenuti onirici

Estratto dalla tesi:

Il Tempo del Sogno. Riferimenti temporali nei contenuti onirici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Colombo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Alfio Maggiolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

durata
sogni lucidi
contenuti temporali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi