Skip to content

Il Palazzo Vicariale di Certaldo: evoluzione di un edificio pubblico attraverso modifiche, trasformazioni e restauri

Estratto della Tesi di Filippo Gianchecchi

Mostra/Nascondi contenuto.
10 A questo punto, per comprendere meglio le fasi d’espansione del paese, è bene tratteggiare la storia dei Conti Alberti, poiché come è lecito aspettarsi, le sorti del palazzo e del paese intero seguono le alterne fortune della casata dei feudatari di Prato e di Mangona. Nel 1107 Firenze era chiusa come in una morsa dai possessi dei maggiori feudatari della Tuscia (gli Ubaldini nel Mugello, i Cadolingi nella zona di Fucecchio e del medio valdarno e gli Alberti appunto nella piana pratese) e decide di cominciare la sua politica di conquista di territori del contado e soprattutto di vie di comunicazione muovendo guerra a Prato. Questo fu solo il primo passo della lotta fra Firenze e gli Alberti che finirà solo un secolo più tardi con la completa sottomissione dei Conti feudatari. Tra il 1117 ed il 1120, con un matrimonio d’interesse, Tancredi, figlio di Alberto, sposò Cecilia, una vedova dei Cadolingi, assicurandosi così anche i beni loro appartenenti che confinavano coi territori pratesi, estendendo di parecchio i loro possedimenti. Di lì a poco gli Alberti si impadronirono anche degli altri territori Cadolingi a sud di Firenze, in una zona compresa più o meno fra Fucecchio e Poggibonsi 32 . Con la discesa in Italia nel 1154 di Federico I di Svevia le sorti delle famiglie comitali migliorarono decisamente, tanto che gli Alberti lasciarono ogni intesa con Firenze per passare al partito imperiale. Nel 1155 e successivamente nel 1164 Federico I conferma con due diplomi al Conte Alberto puer, figlio di Tancredi (detto il Nontigiova), tutti i beni posseduti dal padre e da Alberto suo avo 33 . Il secondo dei due diplomi 34 (quello del 1164) è molto utile ai fini del nostro studio poiché da esso è possibile conoscere i feudi effettivamente posseduti in quel tempo della casa albertesca e fra essi si legge chiaramente anche il nome di Certaldo. Concordando con la Pertici dunque si può far risalire al periodo fra il 1117 ed il 1164 la fondazione del Palazzo dei Conti Alberti che fu costruito atterrando le vecchie abitazioni della rocca, poiché come specificato anche dal Cioni «dai ruderi trovati in alcune poche escavazioni del sottosuolo, sembra doversi ritenere che fino dalla sua 32 ALESSANDRO FEDERIGHI, Breve storia della famiglia Alberti dalle origini al 1203, in «M.S.V.», a. LXXVII - LXXIX (1971 - 1973), n° 198 - 206, fasc.1, p. 92. 33 Ivi, p. 93. 34 Il diploma è riportato integralmente nel Manoscritto del fondo della Società storica della Valdelsa, op. cit. (nota 12), alle carte 5, 6, 7.
Estratto dalla tesi: Il Palazzo Vicariale di Certaldo: evoluzione di un edificio pubblico attraverso modifiche, trasformazioni e restauri

Estratto dalla tesi:

Il Palazzo Vicariale di Certaldo: evoluzione di un edificio pubblico attraverso modifiche, trasformazioni e restauri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Gianchecchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Daniela Lamberini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

restauro
civico
restauro conservativo
stemmi
palazzo
piano particolareggiato
certaldo
vicari
pretorio
dezzi bardeschi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi