Skip to content

Il prestito marittimo e il divieto di usura

Estratto della Tesi di Giancarlo Messina

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Tracce dell’esistenza e delle caratteristiche salienti di questo istituto si rinvengono già nelle fonti letterarie romane. Interessante, al riguardo, è una testimonianza di Plutarco – biografo, scrittore e filosofo – inerente alla pratica commerciale del prestito marittimo, la quale secondo gli studiosi sarebbe la più risalente presso i romani, databile tra il III e il II sec. a.C: la testimonianza di Plutarco nella Vita di Catone il vecchio (meglio conosciuta come il prestito di Catone, Cato Maior XXI, 5-7), certamente di difficile interpretazione, ci permette di sapere che già nell'antica Roma erano presenti società di naviganti (in sostanza soggetti che mettevano assieme le loro navi al fine di creare una flotta capace di affrontare meglio le insicurezze della navigazione antica), i quali chiedevano un unico prestito al loro sovvenzionatore. Addirittura per alcuni ( 19 ), Catone, oltre a fornire il denaro necessario, partecipò alla società dei debitori con l'apporto di una nave (questo anche in un ottica di miglior controllo sull'andamento dell'affare finanziato). Ulteriore e remota fonte a noi pervenutaci, inerente al prestito marittimo, e in un certo qual modo da porre in connessione con il prestito di Catone, è un conosciuto Papiro riguardante un contratto di prestito per un viaggio per mare da Alessandria verso la Somalia (terra conosciuta all'epoca come il paese degli Aromi, in quanto le spedizioni dirette lì, avevano lo scopo di reperire la mirra necessaria alla produzione di profumi), il viaggio risale al II sec. a.C. ( 20 ). Numerose sono poi le testimonianze di prestiti marittimi riscontrabili nel Corpus Iuris Civilis e in particolare nel Digesto ( 21 ). Intitolato De nautico fenore, il passo D. 22, 2, 5, riporta testualmente tre ipotesi di foenus, nelle quali può trovarsi anche il fondamento del finanziamento (più gli interessi pattuiti) sottoposto alla condizione “salva nave” (cioè che la spedizione intrapresa con la nave – armata e caricata grazie alla somma concessa a mutuo – fosse giunta sana e salva a destinazione): «Periculi pretium est et si condicione quamvis poenali non existente recepturus sis quod dederis et insuper aliquid praeter pecuniam, si modo in aleae speciem non cadat: veluti ea, ex quibus condictiones nasci solent, ut "si non manumittas", "si non illud facias", "si non convaluero" et cetera. Nec dubitabis, si piscatori erogaturo in apparatum plurimum pecuniae dederim, ut, si cepisset, redderet, et athletae, unde se exhiberet exerceretque, ut, si vicisset, redderet». 19 SZLECHTER, Le contract de societé en Babylonie, en Grèce et à Rome, Parigi, 1947, pp. 268 20 HEICHELHEIM, Zu Pap. Berol., 5883 + 5853, Milano, 1933; WILCKEN, Zeitschr. f. Äg Sprache, 60, 1925, pp. 86-102= SB III, 7196 21 Innanzitutto i due titoli de nautico fenore D 22, 2 e C 4, 33. Ancora, PS.2,14,3; D. 44, 7, 23 (Africano); D. 45, 1, 122, 1 (Scevola); D. 6, 1, 62 (Papiniano); D. 3, 5, 12 (Paolo); D. 15, 1, 3, 8 (Ulpiano); D. 13, 4, 2, 8 (Ulpiano)
Estratto dalla tesi: Il prestito marittimo e il divieto di usura

Estratto dalla tesi:

Il prestito marittimo e il divieto di usura

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giancarlo Messina
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di 1° livello in diritto bancario e finanziario e normativa anti usura
Anno: 2016
Docente/Relatore: Paolo Fuoco
Istituito da: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

usura
monti di pietà
prestito marittimo
foenus nauticum
decretale naviganti papa gregorio ix
pecunia traiecticia
reato d'usura
condanna usura
prestito a cambio marittimo genova
giancarlo messina unige

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi