Skip to content

L'arcobaleno oltre la separazione. Nelson Mandela e i fondamenti del nuovo Sudafrica

Estratto della Tesi di Italia Bucci

Mostra/Nascondi contenuto.
10 Transvaal e dell’Orange verranno incendiate, il bestiame abbattuto, i raccolti distrutti, le famiglie arrestate, separate, e deportate in quelli che saranno i primi campi di concentramento della storia. Kitchner ne fa allestire almeno una quarantina in Sudafrica 4 . Nel 1901 si possono contare centoventimila persone, tra donne e bambini, su una popolazione che arriva a stento a trecentomila unità, internati nei lager insieme a quarantamila indigeni; in pratica tutta la servitù nera degli afrikaner, sopravvissuta agli scontri e rimasta fedele ai propri padroni. La malnutrizione, la mancanza di cure ed igiene, epidemie di tifo, febbri, dissenteria, infuriano in questi lazzaretti sovrappopolati provocando vere e proprie stragi. Il più celebre lager, il campo di Kroonstad, conta un tasso di mortalità nella popolazione adulta pari al trentacinque per cento, e nella popolazione infantile pari all’ottantasette per cento. 5 Nel corso del 1901 un’intera generazione di afrikaner scompare per mano degli inglesi: muoiono ventottomila boeri adulti e ventiduemila bambini; in sostanza il dieci per cento della popolazione bianca del Transvaal e dell’Orange. Eppure la guerra continua e gli afrikaner combattono senza più munizioni, riuscendo a sottrarre gli Enfield 6 ai soldati inglesi morti sul campo. All’inizio del 1902 sedicimila afrikaner si trovano a dover fronteggiare i quattrocentomila soldati inglesi di Kitchener: l’opinione pubblica mondiale è indignata per il comportamento delle truppe britanniche; anche durante una seduta parlamentare del governo, i leader del partito liberale intervengono a tal riguardo, stigmatizzando con parole durissime la politica britannica in Sudafrica. Accordi segreti fra i capi delle fazioni opposte vengono tentati, ma sembrano inconciliabili: i britannici esigono che i boeri rinuncino all’indipendenza, mentre i boeri ne fanno una condizione imprescindibile. Alla fine, nonostante la coraggiosa e disperata resistenza, gli afrikaner non riescono a difendere il territorio e col capo chino il 31 maggio 1902 firmano la fine delle ostilità, accettando di diventare sudditi della corona britannica 7 . Non tutti sanno che anche Winston Churchill 8 , il futuro Premio Nobel per la letteratura nel 1953, nonché futuro primo ministro inglese che portò la Gran Bretagna alla vittoria nella Seconda guerra mondiale, si trovò coinvolto nel conflitto Anglo-Boero, mentre era corrispondente di guerra del Morning Post dal Sudafrica. Con indosso l’uniforme del South African Light Horse (un reggimento coloniale di cavalleria inglese), venne aggregato alle truppe del Regno unito che combattevano contro i boeri. In realtà non era consentito ricoprire entrambe le cariche di giornalista e ufficiale di guerra, ma fu comunque assegnato a un treno blindato che avrebbe dovuto compiere una ricognizione. Era il 15 novembre 1899 e Churchill era un giornalista di ventiquattro anni che scampò alla morte grazie ad una serie di coincidenze fortunate. In ricordo di questa avventura, lo 4 Dominique Lapierre, Un arcobaleno nella notte. La vera storia del Sudafrica di Nelson Mandela, Il Saggiatore, Milano 2008, pp 39 5 Ibidem pp 37-39 6 Rivoltelle 7 Ibidem pp40 8 Wikipedia- Wiston Churchill
Estratto dalla tesi: L'arcobaleno oltre la separazione. Nelson Mandela e i fondamenti del nuovo Sudafrica

Estratto dalla tesi:

L'arcobaleno oltre la separazione. Nelson Mandela e i fondamenti del nuovo Sudafrica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Italia Bucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Mario  Di Gregorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nelson mandela
apartheid
sudafrica
desmond tutu
guerra anglo-boera
hendrik verwoerd
processo di rivonia
steve biko
black consciouness
rainbow nation

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi