Skip to content

Pera nella memoria dei Genovesi: notizie e tradizioni (gli oggetti sacri pervenuti dopo la conquista di Costantinopoli)

Estratto della Tesi di Almiro Ramberti

Mostra/Nascondi contenuto.
10 San Francesco scrive che a Costantinopoli, oltre alla scempio generale, “tucte le chiexie furono rubate, violate et vituperate et fatone stalle.” 15 Pur se a causa del mancato aiuto militare la sorte della città sembrava essere segnata già da tempo, in Occidente il clamore per la caduta e la fine dell’Impero ha stupita e immensa eco: erano oltre cent’anni che l’isolata Costantinopoli riusciva miracolosamente a sopravvivere alle sempre rinnovate pressioni dei Turchi e sembrava impossibile che il millenario baluardo dovesse mai cadere. La cerchia degli umanisti contemporanei dà voce allo sconcerto e alla preoccupazione dilagante. E si moltiplicano così le composizioni letterarie, in latino e in greco, di Lamenti e Monodie sulla caduta di Costantinopoli, di Prediche e di Grida contro i T urchi: non mancano catastrofiche predizioni sulla conquista dell’Italia dopo quella di Costantinopoli, così come diventano comuni le suppliche rivolte ai papi - a Nicolò V prima, a Pio II poi - e le invocazioni dirette a re, imperatori, principi e repubbliche della cristianità nonché le canzoni popolari e i poemetti indirizzati ai cristiani, tutti tesi ad esortare la presa delle armi contro il Turco. 16 1.3. La dedizione di Pera e la fine delle colonie genovesi del Levante Nel chiuso delle loro mura i cittadini di Pera assistono annichiliti al drammatico epilogo che ha luogo sull’altra sponda del Corno d’Oro: i pochi che possono tentano la fuga via mare mentre la maggioranza rimane angosciata nel timore di una strage che temono solo rinviata. La pietà umana è calpestata, avvengono episodi inquietanti. Il medico veneziano Nicolò Barbaro, giunto in commissione presso il podestà di Pera a chiedere asilo per i connazionali superstiti, si vede opporre un netto rifiuto: non stupisce se, per questo ed altri episodi poco chiari avvenuti nel corso della difesa di Costantinopoli, il Barbaro non si fa scrupolo ad appellare i “Zenovexi de Pera” come “nemigi de la fede cristiana” e “cani traditori”. 17 Pur se al riparo di una validissima cinta muraria, a Pera ci si rende perfettamente conto che la piccola città è indifendibile di fronte allo strapotere numerico e all’artiglieria turca: qualsiasi irrigidimento non porterebbe ad altro se non un bagno di sangue. 15) Anonimo frate dell’Osservanza di San Francesco, Relazione sulla presa di Costantinopoli, in: Pertusi, Testi inediti e poco noti, op.cit., p. 26. 16) Pertusi, Testi inediti e poco noti, op. cit., pp. 243-357. 17) Nicolò Barbaro, Giornale dell’assedio di Costantinopoli, in: Pertusi, La caduta di Costntinopoli, I, Le testimonianze dei contemporanei, op. cit., p. 19.
Estratto dalla tesi: Pera nella memoria dei Genovesi: notizie e tradizioni (gli oggetti sacri pervenuti dopo la conquista di Costantinopoli)

Estratto dalla tesi:

Pera nella memoria dei Genovesi: notizie e tradizioni (gli oggetti sacri pervenuti dopo la conquista di Costantinopoli)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Almiro Ramberti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Sandra Origone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

memorie
genova
notizie
conquista
costantinopoli
tradizioni
pera
oggetti sacri
pervenuti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi