Skip to content

Da emigrante ad internato

Estratto della Tesi di Laura Isola

Mostra/Nascondi contenuto.
11 necessitavano di forza lavoro, soprattutto da impiegare nel settore agricolo, da qui la decisione di utilizzare i prigionieri e non restituirli al governo italiano. 1.3.1 Lo status dei prigionieri Fu uno scambio a tutti gli effetti, l’Italia divenne cobelligerante e gli italiani in mano agli alleati continuarono ad essere utilizzati senza cambiare il loro status giuridico di prigionieri di guerra , quindi protetti dalla convenzione di Ginevra. Le strade del governo americano e di quello britannico nel trattamento dei prigionieri di guerra ad un certo punto si diversificarono data la rigidità degli inglesi che non volevano cambiare il proprio atteggiamento anche dopo la cobelligeranza. Gli statunitensi intendevano retribuire gli italiani più degli inglesi, creando problemi soprattutto in Italia dove i prigionieri venivano gestiti unitamente. Venne concesso di eliminare la scritta P.O.W. dalle divise, rimanendo i divieti di circolare nelle città, e il controllo della corrispondenza. Il volontariato fu usato come criterio di impiego di questo personale e i lavoratori che non rendevano a sufficienza dovevano essere nuovamente considerati prigionieri. 35 Come abbiamo visto, gli alleati intendevano utilizzare i prigionieri come forza lavoro, in contrasto con la convenzione di Ginevra che stabiliva che i prigionieri di guerra erano tenuti unicamente a lavori per il proprio mantenimento e quello dei campi di prigionia. A questo proposito, per aggirare le norme della Convenzione si chiese il consenso per questo tipo di utilizzo al governo italiano. Il generale Eisenhower, il 9 ottobre del 1943, fece richiesta formale al governo italiano per l’ utilizzo dei prigionieri italiani in Nord Africa in lavori connessi allo sforzo bellico. Badoglio, probabilmente memore degli accordi orali non mantenuti dagli alleati, diede il proprio consenso solo in forma orale l’11 ottobre 1943 giunse ai prigionieri un messaggio di Badoglio in cui spiegava le motivazioni di questa decisione. L’ampliamento dell’ utilizzo dei prigionieri anche in India ed Australia, però, necessitava di un accordo scritto, accordo che li avrebbe trasformati in semplici lavoratori privandoli delle tutele dovute ai prigionieri di guerra. Badoglio rifiutò di firmare, così essendo l’ Italia riconosciuta come cobelligerante la situazione dei prigionieri italiani divenne ambigua. Gli alleati con uno scambio di lettere, ritennero sufficiente l’ assenso orale di Badoglio dell’ 11 ottobre e ne estesero l’ applicabilità fuori dalla Sicilia e dal Nord Africa. Dopo scambi di vari progetti elaborati da entrambe i contendenti e mai accolti, gli alleati decisero che lo status di prigionieri sarebbe rimasto tale autorizzando il quartier generale a continuare ad utilizzarli in mansioni belliche contro la Germania escluso il combattimento effettivo. 36 35 Ibidem, pag. 96-101 36 F.Conti, I prigionieri di guerra italiani , 1940-1945, Bologna, il Mulino, 1986, pag. 76
Estratto dalla tesi: Da emigrante ad internato

Estratto dalla tesi:

Da emigrante ad internato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Isola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Ferdinando Fasce
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il soldato fotografo
conquista a.o.i.
p.o.w.
italiani in etiopia
seconda guerra mondiale in africa
prigionieri italiani in gran bretagna
lettere dalla prigionia in kenia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi