Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Separazione tra proprietà e controllo. Incentivi manageriali e competizione di mercato

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Nico Marco Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 655 click dal 12/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Nico Marco

Mostra/Nascondi contenuto.
11 un’assemblea dei soci, un consiglio di amministrazione e un collegio sindacale. L’assemblea dei soci è l’organo posto al vertice del sistema impresa ed è composto dagli azionisti, i quali si riuniscono almeno una volta l’anno e deliberano sugli argomenti più importanti come l’approvazione del bilancio di esercizio, la nomina e la revoca degli amministratori, dei sindaci e del presidente del collegio, delibera sulla responsabilità degli amministratori e dei sindaci e sugli altri argomenti che la legge ritiene di competenza dell’assemblea. Il secondo organo è il consiglio di amministrazione che ha il potere di gestire la società con l’obiettivo di perseguire l’oggetto sociale; esso attua le delibere assembleari con il dovere-potere di impugnarle se violano la legge o l’atto costitutivo, inoltre cura la tenuta delle scritture contabili e redige il bilancio di esercizio che deve essere sottoposto ad approvazione dall’assemblea ed, infine, convoca l’assemblea e definisce l’ordine del giorno. Agli amministratori è anche riconosciuto il potere di rappresentanza della società verso i terzi. Ultimo è il collegio sindacale costituito dai sindaci anch’essi nominati dall’assemblea che devono possedere requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza, con il compito di vigilare sull’amministrazione della società. In passato esercitava anche il controllo contabile ora affidato ad un revisore contabile o ad una società di revisione esterna che devono essere iscritti in un apposito albo. Il sistema monistico prevede un’assemblea dei soci che ha gli stessi poteri di quella del sistema tradizionale, un consiglio di amministrazione e un comitato per il controllo sulla gestione costituito al suo interno. Questi ultimi due organi esercitano rispettivamente il potere di amministrazione e il potere di controllo della società. L’aspetto negativo di questo sistema è che i soggetti controllati sono coloro che nominano i
Estratto dalla tesi: Separazione tra proprietà e controllo. Incentivi manageriali e competizione di mercato