Skip to content

L'opera di Egizio Nichelli 1937 - 1991 (Autori: Pilar Maria Guerrieri, Fabio Mastroberardino, Chiara Tosi)

Estratto della Tesi di Chiara Tosi

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Tra i principali membri che hanno collaborato ai lavori figurano Alberto De Capitani D’ Arzago, Giuseppina Mompellio Mondini, Alda Levi, Carla Gerra, Antonio Frova, Mario Mirabella Roberti, Ermanno Arslan e Gian Guido Belloni. La Commissione scopre e rende noti alla cittadinanza via via i sedimi dell’anfiteatro, del circo, la via porticata di Porta Romana, estende le sue indagini alla regione del Foro, alle basiliche paleocristiane di San Lorenzo e di Santa Tecla, al circuito delle mura, alla porta Ticinensis, fino alle scoperte, avvenute in seguito alle distruzioni dei bombardamenti della seconda guerra mondiale e alla ricostruzione di interi settori della città, che portano all’esame di larghi tratti del suolo e del sottosuolo di Milano, soprattutto nel centro storico 7 . Queste zone oggetto degli scavi della Commissione sono, nella maggior parte dei casi, le stesse sulle quali interverrà Egizio Nichelli che nel 1931, anno nel quale si costituisce anche il comitato speciale per l’archeologia e l’arte in Lombardia con lo scopo di incrementare ed estendere gli studi e le raccolte archeologiche in tutta la regione, inizia a frequentare il primo semestre del biennio di architettura alla Regia Scuola di Ingegneria di Milano. Contemporaneamente all’interesse verso lo specifico tema archeologico è necessario ricordare come negli anni ‘30 si stanno mettendo a punto anche gli strumenti che sancivano le norme riguardanti la tutela dei monumenti storici in generale: la Carta di Atene del 1931 e la Carta Italiana del Restauro del 1932. Questa cultura italiana del restauro tra le due il Museo Patrio di Archeologia presso l’ex chiesa di Santa Maria di Brera per dare alla cittadinanza l’occasione di apprezzare i reperti milanesi. Successivamente, nel 1870 Enrico Bignami promuoverà vari convegni sulle antichità al Collegio degli architetti, mentre Celeste Clericetti nel 1885 raccoglierà in una speciale pubblicazione tutti i dati relativi alla Milano archeologica. Nel 1917, quattro anni dopo la nascita di Egizio Hicke 5 a Trieste, i più autorevoli archeologi milanesi come Pompeo Castelfranco, Attilio De Marchi e Giovanni Patroni, si trovavano a collaborare a un progetto ambizioso: veniva infatti istituita, recuperando una proposta fatta una decina d’anni prima da Gaetano Moretti, una Commissione denominata Forma Urbis Mediolani, sotto la guida dell’ingegnere Augusto Brusconi, allora direttore dell’Ufficio regionale per la conservazione dei monumenti della Lombardia. “Si trattava di raccogliere dati e tradizioni e di eseguire eventualmente scavi per ricostruire la fisionomia della Milano romana e paleocristiana” 6 , questo era l’obbiettivo ambizioso della Commissione che troviamo enunciato nella prefazione della rivista “Ritrovamenti e scavi per la Forma Urbis Mediolani”, pubblicata regolarmente in concomitanza degli scavi e quindi dei ritrovamenti in Milano. Questo intenso programma di scavi e di studi viene però immediatamente interrotto dalla prima guerra mondiale per riprendere negli anni ‘30, sotto la direzione di Aristide Calderini, archeologo e studioso tra i più eminenti di Milano romana e paleocristiana.
Estratto dalla tesi: L'opera di Egizio Nichelli 1937 - 1991 (Autori: Pilar Maria Guerrieri, Fabio Mastroberardino, Chiara Tosi)

Estratto dalla tesi:

L'opera di Egizio Nichelli 1937 - 1991 (Autori: Pilar Maria Guerrieri, Fabio Mastroberardino, Chiara Tosi)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Tosi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Federico Bucci
Coautore: Pilar Maria Guerrieri, Fabio Mastroberardino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 564

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

architettura
archeologia
milano
egizio nichelli
storia milano
museo archeologia milano
gandino
forma urbis mediolani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi