Skip to content

Rinforzo vicario: strutture cerebrali correlate e relazione con empatia

Estratto della Tesi di Andrea Daneluz

Mostra/Nascondi contenuto.
8 comportamenti o risposte (R) in seguito a stimoli (S). Successivamente venne data importanza alla mediazione psicologica, per cui tra la S e la R venne introdotta la O di organismo: si riconobbe alla mente un ruolo di prim’ordine nell’elaborazione e nella rappresentazione di immagini in grado di mediare il rapporto dell’individuo con l’ambiente (Cherubini, 2012). Pertanto l’apprendimento ottenne una nuova sfumatura, diventando il processo che permette agli individui di conoscere l’ambiente ed interagire con esso in modo flessibile ed efficace, riconoscendo il contributo fondamentale di costrutti come la memoria, l’esplorazione di ipotesi, la capacità di problem solving e la motivazione nello svolgersi di questo processo (Cherubini, 2012). Ma, entrando nello specifico, cosa significa apprendere? Sostanzialmente trattasi di un processo che consiste nello stabilirsi di relazioni tra eventi/situazioni e comportamenti, che possono essere sorrette da regole, caratterizzate dal giudizio di causalità o probabilità, o semplici associazioni, che consistono nell’unione di eventi concomitanti (Cherubini, 2012). Ha un duplice obiettivo: previsione, cioè la “capacità di prevedere le conseguenze […] di determinati stati o eventi […], a prescindere dal fatto che siano il prodotto dell’azione dell’organismo sull’ambiente o si manifestino indipendentemente dalle sue azioni (Cherubini, 2012, p. 249)”, e intervento: la “capacità di prevedere quali comportamenti attivi […] rivolti verso l’ambiente produrranno determinati eventi […] con conseguenze prevedibili […], desiderate o indesiderate, ai quali si sarà pronti a reagire (Cherubini, 2012, 249)”. Ivan Pavlov (Cherubini, 2012) fu il pioniere degli studi comportamentali. Riuscì a dimostrare che stimoli neutri per un organismo potevano elicitare risposte comportamentali specifiche di un determinato stimolo incondizionato, se i due venivano presentati in associazione più volte in condizione di contiguità temporale. Chiamò questo processo condizionamento rispondente - definito anche condizionamento classico - (Cherubini, 2012), postulando l’apprendimento come il risultato automatico di un processo di esposizione ad associazioni ripetute nel tempo. Edward Thorndike (Cherubini, 2012) eseguì numerosi studi sull’apprendimento di comportamenti complessi negli animali, in particolare nei gatti, utilizzando la puzzle box. In base ai risultati ottenuti dai suoi studi formulò la legge dell’effetto (Cherubini, 2012): “se in un determinato contesto S (per esempio, la gabbia) è prodotta una risposta R (per esempio, la pressione della leva che apre la porta) con un esito “soddisfacente” (l’uscita dalla gabbia, il raggiungimento del cibo), allora la forza della connessione S-R cresce: quindi, in futuro, aumenta la probabilità di emettere la stessa risposta nel medesimo contesto. Se ad una risposta R segue un esito poco soddisfacente o “fastidioso”, allora la forza della connessione S-R si indebolisce, e la risposta diviene meno probabile in quel contesto (Cherubini, 2012, p. 271)”. Quindi, Thorndike teorizzò un condizionamento strumentale che prevede un apprendimento per prove ed errori,
Estratto dalla tesi: Rinforzo vicario: strutture cerebrali correlate e relazione con empatia

Estratto dalla tesi:

Rinforzo vicario: strutture cerebrali correlate e relazione con empatia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Daneluz
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Emanuela Bricolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

empatia
bandura
corteccia prefrontale ventromediale
corteccia cingolata anteriore
rinforzo vicario
apprendimento sociale
strutture cerebrali rinforzo
tesi rinforzo
tesi empatia
elaborazione cerebrale empatia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi