Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dell'efficacia del trattamento psicoterapeutico psicodinamico nei pazienti borderline

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Giulia Staderini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 341 click dal 08/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giulia Staderini

Mostra/Nascondi contenuto.
11 dissociazione, costrutto già utilizzato per l’isteria da Janet 29 (1911), e lo collega a script del paziente legati ad aspettative e a memorie traumatiche, che portano all’“incoerenza dolorosa” 30 tipica del paziente borderline: “La sensazione di incoerenza personale è, probabilmente, la migliore descrizione che possiamo avere del nucleo centrale del DBP. Questa espressione comprende dolore psichico e implica senso di frammentazione dell’esistenza personale che può essere visto come la forma più classica di esperienza dissociativa. E’ stato inoltre dimostrato che la frammentazione della personalità del DBP, che tanto somiglia alla dissociazione, è una caratteristica centrale del disturbo.” Per il BDP sembra impossibile sottrarsi ad un’analisi multifattoriale: si tratta infatti di un disturbo estremamente complesso e fenomenologicamente variegato, sia sotto il profilo sintomatologico che in termini di eziologia. Citiamo uno dei primi tentativi di raccordo tra le varie teorie eziopatogenetiche, uno studio sull’eziologia multifattoriale (Zanarini e Frankenburg, 1997) 31 che prende in esame: • vulnerabilità genetico-tempermentale; • infanzia traumatica: (esperienze traumatiche o di abuso). Uno studio norvegese (Togersen et al., 2000) 32 su gemelli omozigoti e dizigoti ha dimostrato l’ereditarietà del disturbo: lo studio ha rilevato la concordanza di DBP nel 35% di coppie gemellari omozigoti e 7% in coppie dizigoti, focalizzandosi dunque sulla rilevanza della componente genetica nello sviluppo del disturbo. 29 JANET P., L’état mental des hysteriques, Parigi, 1911. 30 WESTEN D.,MOSES M. J., SILK K. R., LOHR N. E., COHEN R., SEGAL H., Quality of depressive experience in borderline personality disorder and major depression: When depression is not just depression, in Journal of Personality Disorders, 6, pp. 382-393, 1992. 31 ZANARINI M. C., FRANKENBURG E. R., , Pathways to the Devolopment of Borderline Disorder, in Journal of Personality Disorders, 11, 1, pp. 93-104, 1997. 32 TOGERSEN S., LYGREN S., OIEN P. A. ET AL., A twin study of personality disorders, in Comprehensive Psychiatry, 41, pp. 416-425, 2000.
Estratto dalla tesi: Valutazione dell'efficacia del trattamento psicoterapeutico psicodinamico nei pazienti borderline