Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I diritti fondamentali di fronte alla minaccia del terrorismo: aporie e possibili soluzioni

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessia Bennici Contatta »

Composta da 265 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 356 click dal 08/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Alessia Bennici

Mostra/Nascondi contenuto.
17 categorie di soggetti sospettati di pericolosità sul versante della delinquenza sovversiva. 23 Il terrorismo, già dalle sue prime manifestazioni, pone delle questioni delicate, in quanto ci si rende subito conto delle difficoltà di controllo della strategia terroristica, poiché diversa da ogni altra forma di criminalità (si pensi che gli imputati si definiscono prigionieri politici, rifiutando la sede processuale) 24 ; esigenze di difesa da tale genere di pericolosità portano anche alla creazione delle carceri speciali o di massima sicurezza, con la riforma penitenziaria del 1975, la quale afferma il principio del trattamento detentivo in funzione rieducativa, con eccezioni per il trattamento del detenuto per fatti di terrorismo. 25 All’indomani del sequestro Moro, caso da cui emergono con evidenza i tratti più aggressivi del fenomeno terroristico e dei suoi effetti destabilizzanti, viene introdotta per la prima volta la nozione di terrorismo nella legislazione penale italiana: infatti, sull’onda dell’emergenza istituzionale creata da quel sequestro, entra in vigore, nel 1978, l’articolo 289 bis c.p., relativo al “sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione” 26 ; con esso viene 23 BERARDI A., Il diritto e il terrore, 2008, pp. 2 – 10. 24 Cfr. idem (a cura di), Il processo e la conversione del conflitto, 2009: riflessione sulla vicenda di Fulvio Croce, che sostenne, quale avvocato d’ufficio, le difese dei brigatisti nel processo al nucleo storico delle BR negli anni ‘70, e sul suo assassinio quale strategia brigatista di rifiuto del processo e, con ciò, di eversione dell’ordinamento. 25 TRECCANI G., Enciclopedia giuridica, Vol. XXXV, alla voce Disciplina penale del terrorismo, 1989 (aggiornata al 2010), pp. 1 – 2. 26 Art. 289 bis c.p.: <
Estratto dalla tesi: I diritti fondamentali di fronte alla minaccia del terrorismo: aporie e possibili soluzioni