Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro economicamente dipendente: riconoscimenti e prospettive

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cecilia Virgilio Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 166 click dal 18/07/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Cecilia Virgilio

Mostra/Nascondi contenuto.
27 lavoro che fissa tariffe minime per i supplenti autonomi non esula dall’ambito di applicazione dell’art. 6 della Mw e dell’articolo 81, paragrafo 1, CE 14 , ai sensi della sentenza Albany 15 . Infatti, secondo la NMa, la natura giuridica di un contratto collettivo di lavoro che disciplina contratti d’opera viene ad essere modificata facendo acquisire a tale contratto le caratteristiche di un accordo tra professionisti, in quanto negoziato dal lato sindacale da un’organizzazione che, al riguardo, non agisce come associazione di lavoratori, ma come associazione di lavoratori autonomi. La reazione delle associazioni, sia di quella dei lavoratori che di quella dei datori di lavoro, è stata la denuncia del contratto collettivo di lavoro e il rifiuto di stipulare un nuovo contratto che includesse una 14 L’articolo 81, paragrafo 1, TCE rappresenta la vecchia formulazione dell’articolo 101, paragrafo 1, TFUE. 15 Nell’importante sentenza Albany la Corte di Giustizia affronta il caso di un’impresa tessile (la Albany International) che rifiutava di contribuire a un fondo di previdenza integrativa istituito da un contratto collettivo reso efficace per tutte le imprese del settore, secondo l’ordinamento nazionale olandese. L’impresa denunciava, in quel caso, la lesione del principio comunitario della libertà di concorrenza, derivante dalla disposizione collettiva che vincolava tutte le imprese del settore al regime assicurativo gestito da un unico ente; ma nel trattare la questione la Corte si è mostrata ben consapevole del fatto che, al di là del caso specifico, i profili di possibile contrasto fra contrattazione collettiva e libertà di concorrenza tra imprese sono assai numerosi e rilevanti. Questioni analoghe erano state affrontate più volte in passato dalle Corti nazionali e federali statunitensi e risolte secondo impostazioni via via diverse. La Corte di Giustizia europea ha risolto la questione nel caso Albany affermando che “quando il contratto collettivo sia finalizzato a migliorare il trattamento dei lavoratori, esso deve considerarsi escluso dal campo di applicazione della disciplina comunitaria della concorrenza” da Ichino P., Lezioni di diritto del lavoro, un approccio di labour law and economics, Giuffrè, 2004.
Estratto dalla tesi: Il lavoro economicamente dipendente: riconoscimenti e prospettive