Skip to content

Effetti della wearable technology su comunicazione e società

Estratto della Tesi di Alice Genovesi

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Citando Gary Wolf, il quantified self “è un esperimento che comincia con una persona molto importante: te stesso”. Potrà forse suonare familiare, poichè le origini concettuali del QS si possono ricercare nella filosofia: “la cura del sé” ha interessato profondamente l’epicureismo, Martin Heidegger e soprattutto Michel Foucault. Tutte le etichette create successivamente, tra le quali quantified self e self-tracking derivano da questo stile di vita, aggiornato ai tempi contemporanei con il supporto di scienza e tecnologia nella misurazione, manipolazione e controllo dei dati. Nel 2012 lo scienziato e imprenditore Stephen Wolfram pubblica sul suo sito web un lavoro altamente pioneristico per il movimento: L’analitica personale della mia vita. Attraverso grafici e didascalie illustra i dati che per ben 22 anni ha raccolto su sé stesso e sulla sua vita lavorativa. Ciò che emerge è che si tratta di un uomo di routine, che preferisce lavorare di notte e che per il 7% del tempo speso al computer ha premuto la barra spaziatrice. E’ evidente come la pubblicazione sia istruttiva più per il modus operandi che per il risultato. Infatti, è fondamentale notare che, se da un lato l’atleta professionista si sottopone a controlli di questo genere per accrescere le sue prestazioni, e quindi con un fine ben preciso, per i quantified self il processo d’analisi è invece importante, stimolante e gratificante tanto quanto l’esito, che può rivelarsi anche minimo senza compromettere il valore del percorso. I sé quantificati hanno usufruito di gadget indossabili e sensori fin dai loro esordi commerciali, fungendo anche da early adopters ufficiosi per le varie aziende produttrici. Più recentemente hanno sfruttato i vantaggi delle piattaforme social per creare la fitta rete di adepti che li rende un movimento così peculiare: hanno oggi la possibilità di confrontare i propri dati non solo internalmente ma anche e soprattutto con quelli dell’intera comunità. E’ di questa innata volontà di condivisione che il gruppo si nutre e, non a caso, la sua organizzazione si svolge quasi solo online. Sul sito di Wolf e Kelly vengono pianificati eventi in tutto il mondo, durante i quali self-tracker di ogni provenienza discutono sul come utilizzare al meglio gli strumenti utili alla loro “vita misurata”. Una delle conseguenze future più interessanti del self-tracking sarà l’unione dei dati in un vastissimo database sanitario, scenario possibile solo una volta che i wearables forniranno informazioni abbastanza precise e attendibili. Un esempio simile per il momento è PatientsLikeMe, social network che permette a qualunque individuo di raccontare la propria storia clinica e condividerla con gli altri iscritti; la piattaforma riunisce poi in sottoinsiemi le varie patologie o anche in base a sesso ed età del paziente, fungendo proprio come un motore di ricerca tramite l’uso di tag. Ovviamente non ci si avvicina al rigore dei trial clinici tradizionali, ma, sfiorando oggi i 500
Estratto dalla tesi: Effetti della wearable technology su comunicazione e società

Estratto dalla tesi:

Effetti della wearable technology su comunicazione e società

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alice Genovesi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Culture e tecniche del costume e della moda
  Relatore: Antonella Mascio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
tecnologia
società
technology
virtual reality
wearable technology
wearable
indossabile
smartwatch
black mirror

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi