Skip to content

Prospettive evolutive del principio di autodeterminazione dei popoli: l'utilizzo dello strumento referendario come mezzo risolutivo delle rivendicazioni secessionistiche

Estratto della Tesi di Riccardo Bizzotto

Mostra/Nascondi contenuto.
del termine. Sul piano della proiezione esterna del principio di autodeterminazione, come indipendenza delle nazioni, Wilson ebbe un atteggiamento più remissivo, volto a giustificarne l'applicazione in maniera temporanea e limitatamente ad alcune nazioni parti di imperi multinazionali (impero austroungarico e impero ottomano) 22 . Ciò è dimostrato anche dal fatto che, con riferimento ai possedimenti coloniali in possesso delle potenze vincitrici, fu previsto un sistema di mandati gestito attraverso la Società delle Nazioni, anziché la concessione del diritto all'autodeterminazione 23 . Tali contributi al dibattito furono però accantonati in sede di redazione del Trattato di Versailles durante la conferenza di Parigi del 1919. Le forti resistenze, soprattutto britanniche, all'adozione del principio prevalsero e perciò esso non venne inserito all'interno del testo del trattato di pace. Sebbene non ottenne un riconoscimento giuridico, esso influì in maniera subliminale sugli sviluppi futuri del continente europeo, in particolar modo per quanto riguarda la revisione dei confini territoriali e l'instaurazione dei nuovi rapporti di forza tra i vincitori e i vinti. In breve, fu qui che il principio di autodeterminazione dei popoli cominciò a muovere i primi passi all'interno del diritto internazionale. Questo è testimoniato da tre ordini di ragioni. La prima è costituita, come anzidetto, dalla costituzione di un sistema di mandati istituito dalla Società delle Nazioni che aveva come obiettivo il raggiungimento di una forma di autogoverno attraverso un processo mediato dalla potenza coloniale. E' generalmente riconosciuto che questa fosse l'idea alla base del sistema dei mandati, come si può intuire dalla lettura dell'articolo 22 24 . Tuttavia si trattava senz'alcun dubbio di un sistema che subordinava l’autodeterminazione al principio di integrità territoriale. Il sistema prevedeva tre differenti forme di mandato denominate A, B e C, a seconda del livello di maturità politica degli abitanti dei territori coloniali in relazione alla loro possibilità di costruire istituzioni stabili di autogoverno. Ai mandati di tipo A corrisposero quei territori riconosciuti in parte come Stato, in cui il compito del mandato era essenzialmente quello di accompagnare l'organizzazione politica del territorio per condurla all'indipendenza; ai mandati di tipo B si ricondusse la situazione dei Paesi dell'Africa, non sufficientemente civilizzati per potersi autogovernare e che per questo motivo necessitavano di essere amministrati, con alcune restrizioni, dagli Stati titolari del mandato; ai mandati di tipo C si 22 Margiotta, C., L'ultimo diritto cit., pag 123-124; Guarino, C., Autodeterminazione dei popoli e diritto internazionale, Jovene Editore, Napoli, 1984, pag. 11. 23 Secondo l'opinione di Allen Lynch, il presidente americano, seppur in cuor suo fosse convinto dell'importanza dell'autodeterminazione per il raggiungimento della pace e della stabilità internazionale, seppe essere molto pragmatico nel riconoscere che l'obbiettivo in questione non sarebbe stato raggiungibile senza l'accettazione di determinati compromessi dettati dagli interessi economici delle potenze vincitrici verso i possedimenti coloniali. Per ulteriori approfondimenti Allen, L. (2002), Woodrow Wilson and the principle of ‘national self- determination’: a reconsideration in Review of International Studies, 28, pag. 419-436 . 24 Articolo 22, Trattato di Versailles: “To those colonies and territories which as a consequence of the late war have ceased to be under the sovereignty of the States which formerly governed them and which are inhabited by peoples not yet able to stand by themselves... The best method of giving practical effect to this principle is that the tutelage of such peoples should be entrusted to advanced nations... can best undertake this responsibility... The character of the mandate must differ according to the stage of the development of the people, the geographical situation of the territory, its economic conditions and other similar circumstances”. 14
Estratto dalla tesi: Prospettive evolutive del principio di autodeterminazione dei popoli: l'utilizzo dello strumento referendario come mezzo risolutivo delle rivendicazioni secessionistiche

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Bizzotto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Percorso europeo e transnazionale
  Relatore: Jens Woelk
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi