Skip to content

Il problema del sovraffollamento carcerario. Riflessioni a partire dalle soluzioni adottate nel sistema penale finlandese.

Estratto della Tesi di Valentina Regazzi

Mostra/Nascondi contenuto.
10 Tuttavia, gli ultimi dati a nostra disposizione, quelli relativi al 30 giugno 2016, segnano un numero di detenuti in aumento, un aumento di circa 2000 unità (54.072 detenuti). 9 mila di questi detenuti vivono ancora sotto gli standard europei, ovvero in uno spazio inferiore ai 4 metri quadrati. Uno dei problemi maggiori in Italia è costituito dai detenuti in custodia cautelare, il 34,6% del totale contro il 20% della media europea, una situazione oggetto di condanna da parte della Corte Edu 32 . La seconda problematica riguarda le pene detentive brevi; circa il 56% dei detenuti stanno scontando una pena detentiva di durata inferiore ai tre anni. Si tratta di soggetti che potrebbero scontare la pena all’esterno degli istituti carcerari, avvalendosi delle misure alternative di cui anche il nostro ordinamento è fornito ma che non vengono utilizzate a sufficienza, nonostante i confortanti aumenti, con un numero quasi raddoppiato dal 2009 ad oggi. L’utilizzo delle misure alternative costituisce uno strumento che potrebbe ridurre notevolmente il problema del sovraffollamento nelle nostre carceri; se la metà di questi detenuti che scontano periodi detentivi brevi venissero convogliati in misure non carcerarie avremmo una riduzione del numero di detenuti pari al 25%, sufficiente per riportare le nostre carceri a livelli accettabili e al di sotto della media europea. Un'altra situazione preoccupante riguarda l’aumento degli ergastolani: 1.633 contro i 1.466 del 2011, nonostante la diminuzione del numero di omicidi. 2.2 Le condanne della Corte europea dei diritti dell’uomo per violazione dell’articolo 3 Cedu. 2.2.1 Sentenza Sulejmanovic c. Italia: la prima condanna in materia di sovraffollamento. Il 16 luglio 2009 l’Italia fu per la prima volta condannata per violazione dell’articolo 3 CEDU in un caso (Sulejmanovic c. Italia) che riguardava il sovraffollamento carcerario 33 . Nel 2003 Suljemanovic, cittadino bosniaco detenuto nel carcere di Rebibbia per rapina aggravata ed altri reati, presentò un ricorso (22635/03) alla Corte Edu denunciando le condizioni di detenzione che avevano caratterizzato la propria permanenza presso l’istituto penitenziario. In particolare, egli dichiarava di aver disposto, per un periodo di un anno, di uno spazio pari a 2,70 e 3,40 metri in cella condivisa. Il ricorrente si rivolgeva di conseguenza alla Corte lamentando la violazione dell’art 3 della CEDU, costituendo le modalità di esecuzione della propria sentenza un trattamento inumano e degradante, sia a causa del limitato spazio di cui disponeva, sia a causa del poco tempo trascorso fuori dalla cella. In particolare, Suljemanovic invoca i parametri indicati dal CPT nel Secondo rapporto generale (CPT/Inf (92)3), che indicano come superficie minima, di cui ciascun detenuto deve disporre nella propria cella, non condivisa, 7 metri quadri. Il governo italiano si oppone a questa tesi, sottolineando come quelli indicati dal CPT siano «livelli desiderabili piuttosto che standard minimi» 34 . Il mancato rispetto dei parametri in quanto tali non costituirebbe quindi violazione dell’articolo 3 della Cedu. 32 Vedi CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO, CASE OF CONTRADA v. ITALY, App. No. 27143/95. 33 GONNELLA, Carcere, cit., p. 47. 34 COMITATO EUROPEO PER LA PREVENZIONE DELLA TORTURA E DELLE PENE O TRATTAMENTI INUMANI O DEGRADANTI, Secondo rapporto generale (CPT/Inf (92)3), § 43.
Estratto dalla tesi: Il problema del sovraffollamento carcerario. Riflessioni a partire dalle soluzioni adottate nel sistema penale finlandese.

Estratto dalla tesi:

Il problema del sovraffollamento carcerario. Riflessioni a partire dalle soluzioni adottate nel sistema penale finlandese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Regazzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Grazia Mannozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritti umani
finlandia
carcere
misure alternative
dignità
mediazione penale
sovraffollamento carceri
sovraffollamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi