Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Ombra nella donna e nella madre: un'analisi psicologica di ''Antichrist''

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Sara Giubilei Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 285 click dal 07/07/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Sara Giubilei

Mostra/Nascondi contenuto.
11 componente maschile. Le istanze sono ora definite e intimamente coscienti, segno dell’integrazione della propria personalità (Neumann, 1975). 1.2. Dalle donne del Novecento a quelle attuali: un’evoluzione priva di cambiamento Nell’intreccio tra coscienza ed inconscio sembra possibile cercare le dinamiche più profonde dell’umanità e tutti quegli aspetti facenti parte della storia personale di ogni individuo ma anche dell’intera collettività. Abbiamo visto quanto il femminile sia ricco di stadi che scandiscono la crescita personale e che consentono alle donne di rapportarsi con ogni lato del proprio essere, ma non sempre questi aspetti sono stati apprezzati o accolti dal mondo esterno. Il modello patriarcale ha un ruolo cruciale nello sviluppo psicologico di ogni donna e quando nel Novecento sono venuti meno alcuni pilastri sociali e di potere, le donne sono state subordinate e private della loro unicità. Tutti quegli aspetti interpretati come lontani dal contesto femminile venivano negati e non riconosciuti e l’aggressività delle donne veniva bloccata con modalità inopportune. In tale sottrazione le stesse donne si sono private di manifestare ciò che loro stesse erano, accettando la realtà corrente e inserendosi all’interno di un’etichetta, quella del sesso debole. Con gli anni si sono lasciate condannare su aree di vita sempre più ampie e hanno accettato di essere private di ogni diritto. Si sono sottomesse ad una visione della femminilità del tutto sbagliata, aderendo alla figura della ninfa, colei che vive nei boschi, in riva ai fiumi, colei che un po’ donna e un po’ dea provoca ed eccita gli uomini in un gioco estenuante a cui alla fine può anche concedersi di cedere, ma senza mai appartenere davvero ad un uomo interessato a lei. Ed è per questi motivi che una donna così deve essere schiacciata, perché “se è signora del suo desiderio forse ha commesso eccessi sessuali, se non si piega alla legge dell’uomo sarà spezzata” (Valcarenghi, 2008, pp. 66). Pertanto, la convinzione di appartenere ad una categoria inferiore ha iniziato ad inserirsi anche nel modo di funzionare della donna; si tratta di
Estratto dalla tesi: L'Ombra nella donna e nella madre: un'analisi psicologica di ''Antichrist''