Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Oltre il “populismo”? La campagna elettorale di Donald Trump: un’analisi politica e delle strategie comunicative

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca Lottero Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3636 click dal 18/07/2017.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luca Lottero

Mostra/Nascondi contenuto.
15 etnico o nazionale del popolo porta spesso i movimenti o partiti populisti ad assumere più o meno esplicitamente toni razzisti. Donde la presenza allo stato pubblico o larvato in quasi tutti i populismi di una costante modalità razzistaSecondo Wills, che pure si riferisce nella sua tipologia a movimenti di tendenze riformiste e moderate «il populismo mostra una forte tendenza verso un mite razzismo: il buon popolo semplice è di discendenza differente dal cattivo establishment» 36 . Le tre caratteristiche qui riportate non sono certo le sole attribuibili al popolo in quanto soggetto politico del populismo. Tuttavia, insieme costituiscono un modello minimo che (forse proprio perché non eccessivamente definito) è largamente condiviso e offre utili elementi per provare a rispondere alla domanda se Donald Trump sia o meno un populista. 1.2.2 Il leader Una volta definito il concetto di popolo è utile tentare una definizione anche di un altro elemento importante nella dinamica populista, quello di leader. La presenza di un leader che dà voce al popolo, gli rassomiglia negli atteggiamenti e nei comportamenti, ne capta e ne orienta le aspirazioni, dimostra insomma di volerne e saperne incarnare le caratteristiche e i bisogni, è in effetti uno dei tratti fondamentali delle manifestazioni politiche del populismo, e uno dei più citati e discussi dalla letteratura scientifica. Non si può trascurare il fatto che è quasi sempre il leader populista a conferire credibilità al movimento che lo incorona e lo segue, affidandogli le proprie sorti, e talvolta la sua scomparsa segna la fine, o un lungo periodo di eclissi della sua creatura 37 . Per provare a definire la leadership populista, può essere utile tentare di raffrontarla con la classificazione dei tipi di potere proposta da Max Weber. Secondo il sociologo tedesco, il potere può fondare la propria legittimità sul piano legale-razionale, tradizionale o carismatico. Nel primo caso, si basa on a belief in the legality of en acted rules and the right of those elevated to authority under such rules to issue commands 38 . Nel ritratto di Marco Tarchi sopra riportato, 36 Ivi, p. 834. 37 M. TARCHI, op. cit., pp. 73-74. 38 M. WEBER, Economy and society An outline of interpretative sociology, University of California Press, Berkeley and Los Angeles, California, 1978, p. 215. Sulla credenza nella legalità di regole scritte e sul diritto di coloro elevati secondo tali regole allautorità di impartire ordini . Dora in avanti, salvo diversa indicazione, le traduzioni in italiano dellopera citata sono a cura dellautore.
Estratto dalla tesi: Oltre il “populismo”? La campagna elettorale di Donald Trump: un’analisi politica e delle strategie comunicative