Skip to content

Studio sperimentale delle correlazioni esistenti tra i parametri ambientali e la concentrazione del Radon in ambienti umidi

Estratto della Tesi di Lorenzo Cicchetti

Mostra/Nascondi contenuto.
2.2 Danni alla Salute Il Radon ha un elevata mobilità e si distribuisce in tutto l'ambiente in modo piuttosto uniforme. E' un gas inerte e non reagisce chimicamente o elettricamente e una volta inalato non costituisce pericolo dal punto di vista sanitario. In spazi aperti si mescola con le correnti d'aria e non raggiunge valori preoccupanti; al contrario, in un ambiente chiuso il radon può accumularsi a raggiungere alte concentrazioni (anche 10 volte su- periori ai limiti di sicurezza).In aria, durante il suo decadimento,produce nuclidi radioattivi che sono invece carichi e chimicamente reattivi. Una volta prodotti,i “figli” del Radon si depositano sulle superfici dei locali (pareti,mobili ecc.) op- pure sulle molecole d'aria presenti nell'ambiente. Tale aria viene così inspirata creando seri danni al sistema respiratorio. Nella fase di decadimento, il gas rilascia particelle alfa che possono provocare danni fisici e chimici al DNA delle cellule dell’epitelio polmonare. Il cammino di tale particelle alfa in tessuti di tipo quello polmonare è di alcune decine di micron, per cui solo quelle superficiali sono quelle esposte. I danni sono riparabili ma si possono anche sviluppare mutazioni cellulari in grado di dare origine ad un processo cancerogeno. L'alta mortalità dovuta a malattie polmonari tra i lavoratori delle miniere d'argento della regione te- desca di Schneeberg (Germania) è stato il primo campanello d'allarme. Nel 1879 la malattia chia- mata Morbo di Schneeberg fu riconosciuta come cancro ai polmoni. Il Radon scoperto da F. Dorn e le misurazioni effettuate nel 1901 nelle miniere di Schneeberg rive- larono un 'alta concentrazione di Radon. Negli anni successivi(con annessi esperimenti su animali) si è dimostrata un rapporto causa-effetto tra alti livelli di Radon e cancro ai polmoni. Nonostante la pericolosità manifestata nei primi anni del novecento (dallo stesso Dorn e dopo Rutherford), ci vol- lero cinquant'anni per le prime misurazioni negli ambienti residenziali. La Svezia riscontrò un alto livello di concentrazione Radon ma in campo internazionale si ritenne un problema puramente locale. Nel 1988 l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato il Radon come la seconda causa di tumore al polmone dopo il tabacco. Il rischio alla salute aumenta al crescere della concentrazione e del tempo che si trascorre in presen- za di elevate concentrazioni di radon. Esiste una stretta relazione tra gli effetti di fumo e Radon, tan- to che un fumatore rischia circa 15 volte di più rispetto a un non fumatore esposto alla stessa con- centrazione. Fig.6 “Relazione tra esposizione al Radon e tumori al polmone” 14
Estratto dalla tesi: Studio sperimentale delle correlazioni esistenti tra i parametri ambientali e la concentrazione del  Radon in ambienti umidi

Estratto dalla tesi:

Studio sperimentale delle correlazioni esistenti tra i parametri ambientali e la concentrazione del Radon in ambienti umidi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Cicchetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
  Relatore: Sandro Massa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi