Skip to content

Da Wojtyla a Bergoglio: analogie e differenze negli Angelus degli ultimi tre papi

Estratto della Tesi di Laila Onnis

Mostra/Nascondi contenuto.
12 anche in questo caso Dio viene nominato con appellativi diversi (Cristo, Padre, Figlio, Spirito Santo, Signore). Il discorso non si conclude con alcun saluto. 24 DICEMBRE 1978 L’Angelus si apre con una citazione in latino (Hodie scietis quia venie et Dominus; et cras videbitis gloriam eius), di cui tre parole (scietis, hodie e cras) verranno poi riprese quasi a conclusione del discorso. In esso sono presenti solo gli auguri per il Natale e un breve accenno finale alla notizia di cronaca riguardante la sciagura avvenuta nei pressi di Palermo. 26 DICEMBRE 1978 L’Angelus della festività di Santo Stefano risulta tanto breve quanto interessante. Sin dal suo incipit, infatti, è evidente come il Papa abbia abbandonato i consueti canoni degli altri Angelus da me analizzati. Egli si mostra da subito vicino ai fedeli e usa l’ironia per ottenere il suo scopo. Vista la sua particolarità, ritengo opportuno trascrivere interamente il breve testo: «Sì, ho capito, volete pregare col Papa e pregheremo, nonostante non fosse prevista per oggi la recita comunitaria dell’Angelus. Mi rallegro con voi e mi domando perché siete venuti. Forse siete venuti perché oggi è veramente una bella giornata e attira fuori. Ma il Papa deve stare in casa perché non sa mai quando viene la gente per recitare l’Angelus. Poi penso che siete venuti perché sapete che il Papa ha bisogno delle vostre preghiere e ha bisogno soprattutto di pregare con voi. Vi ringrazio per questo e per questa vostra inattesa ma certamente tanto più gradita e preziosa presenza. Voglio ripetere i miei auguri di buon Natale a tutti, specialmente ai giovani. Non capisco quello che dite. Voi non avete i microfoni. Però capisco che volete molto bene al Papa. Grazie e Buon Natale ancora a tutti. Sia lodato Gesù Cristo» Interessante notare come il Papa parla (quasi per tutta la durata dell’Angelus) di se stesso in terza persona, comportamento tipico di personaggi potenti e leader politici. Tuttavia, smentisce questa sospetta “presunzione” relegando poi se stesso quasi al ruolo di semplice uomo che «si trova in casa» e deve starci per aspettare la gente che lui non sa «quando viene per recitare l’Angelus». Il Pontefice sembra poi utilizzare la captatio benevolentiae quando si rivolge ai pellegrini dicendo: «Poi penso che siete venuti perché sapete che il Papa ha bisogno delle vostre preghiere e ha bisogno soprattutto di pregare con voi. Vi ringrazio per questo e per questa vostra inattesa ma certamente tanto più gradita e preziosa presenza». Nel testo sono, inoltre, presenti tre usi che testimoniano la vicinanza al discorso al parlato: i primi due riguardano il mancato utilizzo del congiuntivo dopo le proposizioni mi domando perché e penso che e il terzo la frase «Forse siete venuti perché oggi è veramente una bella giornata e attira fuori», in cui il soggetto non è stato esplicitato. In chiusura è presente un saluto. 1° GENNAIO 1979 Il primo Angelus del 1979 si apre con una interrogazione retorica («All’inizio di un nuovo anno, con quale altra parola potrei rivolgermi a voi, carissimi, che non sia una parola
Estratto dalla tesi: Da Wojtyla a Bergoglio: analogie e differenze negli Angelus degli ultimi tre papi

Estratto dalla tesi:

Da Wojtyla a Bergoglio: analogie e differenze negli Angelus degli ultimi tre papi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laila Onnis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature europee e americane
  Relatore: Maurizio Trifone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
sociolinguistica
chiesa
linguistica
retorica
papa giovanni paolo ii
papi
papa francesco
papa benedetto xvi
angelus

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi