Skip to content

Il colonialismo italiano in Africa: l'esperienza di Giuseppe Maria Giulietti

Estratto della Tesi di Simone Sicilia

Mostra/Nascondi contenuto.
11 stilare dei rapporti positivi da inviare a Depretis al fine di invogliare l’azione governativa a suo favore. Tra le polemiche interne ed internazionali, si preparò una spedizione verso Assab, che giunse a destinazione nel Natale del 1879 e segnò l’inizio dei lavori di sistemazione della colonia. Giulietti, sempre al servizio di Rubattino, aveva l’importante compito di tenere informato l’imprenditore sull’andamento della città e dare consigli nella gestione di Assab: secondo il genovese il miglior modo per accelerare i lavori di ammodernamento e per garantire la protezione della colonia e dei suoi abitanti era l’uso della forza, impiegando plotoni armati a difesa dei confini, oltre che l’importazione forzata di prigionieri costretti ai lavori forzati a beneficio dello Stato. Sull’onda delle opinioni di Giulietti e dei suoi collaboratori, De Amezaga, chiamato a controllare ad interim i lavori di costruzione, decise di propria iniziativa di instaurare la legge marziale pochi mesi dopo aver preso l’incarico, trasgredendo l’esplicito ordine del Governo di astenersi da tutto ciò che potesse essere visto a livello internazionale come una presa di possesso forzato del territorio, sostenendo che la baia di Assab altro non era che un tratto di costa affidato alla protezione degli italiani e quindi soggetto al loro controllo. È proprio questa decisione che stabilisce senza equivoci la piena sovranità italiana su Assab e che attribuisce così al De Amezaga la carica di un governatore a tutti gli effetti. Mentre Sapeto allargava la proprietà di Rubattino comprando le isole adiacenti dal sultano Berehan di Raheita, De Amezaga venne costretto al rientro in Italia, non prima di aver ulteriormente espanso l’acquisto fino al controllo di quasi 700 km². Il compito di Giulietti non consisteva semplicemente nel fare rapporto a Rubattino, ma prevedeva anche l’esplorazione dell’area circostante per conto della Società Geografica che aveva fornito i mezzi utili alla spedizione. Aiutato da una quindicina di marinai del guardiamarina Ambrogio Colombo effettuò tre diversi viaggi, scoprendo rovine di città abbandonate, nuove specie animali, nuove fonti d’acqua e villaggi mai incontrati prima, nei quali non esitarono a mostrarsi con l’atteggiamento tipico dei conquistatori europei: alla richiesta di aiuti di una tribù locale risposero infatti che “gli europei erano usi di tirare a palla sopra qualunque oggetto semovente si presentasse a tiro di fucile”. 1 Il 5 luglio 1880 giunse ad Assab il capitano Frigerio in sostituzione del De Amezaga. Questi era un pioniere lungimirante, caratterizzato da una forte prudenza nelle mosse politiche che contrastava con gli animi esaltati di altre personalità come Sapeto e Giulietti stesso, che non vedevano l’ora di prendere il comando del territorio a nome della patria. Fu 1 A. Marchese, G. M. Giulietti, p. 142
Estratto dalla tesi: Il colonialismo italiano in Africa: l'esperienza di Giuseppe Maria Giulietti

Estratto dalla tesi:

Il colonialismo italiano in Africa: l'esperienza di Giuseppe Maria Giulietti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Sicilia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Elisa Bianco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

africa
colonialismo
ottocento
esplorazioni
correggio
giuseppe maria giulietti
assab
rubattino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi