Skip to content

Identità cultuale della chiesa Maria SS. Assunta a Ravanusa. Regesto storico, Progetto di Restauro e Adeguamento Liturgico

Estratto della Tesi di Angelo Di Natali

Mostra/Nascondi contenuto.
13 regolarità geometrica degli isolati. La parte più delicata fu la progettazione dei luoghi, degli edifici pubblici e delle case. Non siamo a cono- scenza se il barone nell’elaborazione del progetto, si fosse servito del lavoro di architetti o di ingegneri. In ogni caso, il progetto del nuovo schema urbano di Ravanusa fu elaborato attentamente in base ad una serie di elementi urbanistici molto raffinati. La regola progettuale che fu seguita riprendeva l’ortogonalità della pianta, ma caratterizzata adesso, da un asse principale in direzione est-ovest (l’attuale corso della Repubblica) che per la simbologia di quel periodo Barocco viene accomunato allo scorrere della vita. Infatti l’orientamento est-ovest dell’asse principale riprende il percorso del sole che sorge ad est, dove vi è la presenza dell’acqua (lu canali), simbolo della vita e della nascita, e tramonta ad ovest, dove in quel periodo, furono poste tre croci simbolo della morte, e dove nel corso del XX secolo fu eretta la chiesa dedicata alla Santa Croce. Fissato l’asse principale, fu facile innestare su questo la maglia ortogonale con le vie Mamiani, Colombo, Nasi, Mazzini, Boccaccio e via S. Antonio. A favore del piano ortogonale giocarono poi, almeno in teoria, considerazioni di carattere igienico-climatico, in relazione ai problemi dell’insolazione, della difesa dei venti e del deflusso delle acque piovane. Il paese si protese nel corso del XVII secolo fino alle attuali vie Aronica e Piasacane (trazzera di collegamento territoriale che viene integrate nel tessuto urbano). L’espansione del paese, fatta di edilizia comune, sempre molto modesta è priva, in questa fase, dell’edilizia medio-borghese, che inizia ad intervenire in questa zona solo nel XVIII e XIX secolo. Nella parte centrale dell’asse principale, il duca inserì uno spazio da destinare alla piazza, l’attuale piazza della madrice, fulcro cittadino, di- ventò anche il centro principale dove confluivano idee, rapporti sociali, incontri e scambi commerciali. Nello stesso luogo vennero eretti, nel corso del secolo, gli edifici principali come la chiesa madre, dedicata a San Giacomo, in onore del fondatore, il palazzo baronale, sulla parte opposta, per evocare e ricordare agli abitanti il dominio politico-economico, civile ed ecclesiastico cui erano sottoposti. Una volta definito lo schema planimetrico dal fondatore, unica libertà di espressione nel costruire era lasciata agli abitanti all’interno degli isolati urbani, le cui dimensioni erano prefissate dal disegno imposto, dal fondatore, ma la cui realizzazione era affidata alla popolazione stessa. L’orientamento degli isolati era determinato dalla pendenza del terreno, infatti gli isolati venivano disposti perpendicolarmente alle curve di livello per facili- tare il deflusso delle acque. Negli isolati di grandi dimensioni, tra lo spazio pubblico, la strada, e lo spazio privato, la casa, si interponeva lo spazio semi-privato dei cortili che riecheggiano, per la forma, elementi derivanti da influssi islamici.
Estratto dalla tesi: Identità cultuale della chiesa Maria SS. Assunta a Ravanusa. Regesto storico, Progetto di Restauro e Adeguamento Liturgico

Estratto dalla tesi:

Identità cultuale della chiesa Maria SS. Assunta a Ravanusa. Regesto storico, Progetto di Restauro e Adeguamento Liturgico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Di Natali
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Gaspare Massimo Ventimiglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chiesa
convento
restauro
beni culturali
conservazione
diagnostica
diocesi
agrigento
adeguamento liturgico
ravanusa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi