Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dall'indifferenza alla Noia: Alberto Moravia

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Ordile Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 512 click dal 04/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giuseppe Ordile

Mostra/Nascondi contenuto.
23 regime si sforzava di ammantarsi di decoro e perbenismo 30 . Ma il romanzo va ben oltre questo riferimento temporale e politico, mira a colpire tutta la società, una società priva di veri ideali, dominata dai miti ossessivi del denaro e del sesso. Tuttavia Moravia ha scritto, in una sua celebre confessione (e lo ha replicato in numerose occasioni), di poter ammettere che Gli Indifferenti contenessero una certa quantità di pessimismo e che vi si esprimesse una critica abbastanza acerba di una data società. Ma ha aggiunto immediatamente: posso assicurare che quando li scrissi non intendevo né criticare una società, ne manifestare idee o sentimenti pessimisti, escludendo ogni diretta intenzione satirica o moralistica 31 . Che oggi sia concesso vedere ne Gli Indifferenti un documento di quasi saggistica lucidità, tanto esso appare energicamente impegnato, nato da un diretto desiderio di analisi, precisamente, moralistica e satirica della società borghese nello stadio storico della sua dissoluzione decadente, pare cosa naturale. Ma altrettanto naturale è poi avvertire che tale analisi, emerge per quel tanto che in Moravia esiste di un effettiva capacità di rispecchiamento artistico, ossia di quella “ambizione propria a tutti i romanzieri”, come ha detto benissimo lo scrittore, “di creare personaggi autonomi, vivi a tutto tondo. 32 ” Ne Gli Indifferenti il cinico uomo d’affari Leo ha ridotto l’esistenza ad uno scheletro privo di valori in cui contano solo il denaro e i suoi interessi. Egli non esita a rovinare economicamente l’amante 30 Cfr. ATTALIENTI (1996) p.602 31 Si veda: AA.VV, Confessioni di scrittori. Interviste con sé stessi, (1951), ERI (Edizioni Radio Italiana), Torino. 32 Cfr. SANGUINETI(1977) p.9
Estratto dalla tesi: Dall'indifferenza alla Noia: Alberto Moravia