Skip to content

I caratteri della presenza dell'Islam a Palermo nel medioevo

Estratto della Tesi di Veronica Sardo

Mostra/Nascondi contenuto.
15 governatori dell'isola e principi ʽaġlabiti, notevoli furono le pratiche diplomatiche soprattutto nell'ultimo secolo della dominazione bizantina, ma ben presto i musulmani infransero il patto, approfittando del periodo di crisi del governo bizantino. Il mite e diligente ʽAġlab però pensò bene che l'accordo lo avrebbe più giovato assicurandosi un posto saldo nel commercio in Sicilia, si arrivava dunque ad un armistizio della durata di dieci anni firmato con Costantino, ma tale tregua non era destinata a durare a lungo, infatti a causa di movimenti contro Ibrāḥīm compiuti in Africa dagli idrisiti, flotte aghlabite e cristiane si scontrarono accidentalmente. Abu al ʻAbbas figlio di Ibrāḥῑm organizzò un grande armamento, tanto da preoccupare l'imperatore di Costantinopoli Michele Primo a raggruppare anch'essi una flotta imponente, nonostante ciò i musulmani si assicuravano il passaggio tra le isole minori di Lampedusa, Ponza, fino a Civitavecchia. In questo contesto Abū ʼal ʼAbbas rassicurava il patrizio di Sicilia della tregua, con l'invio di ambasciatori. Riassestato il patto si assicurava un flusso commerciale tra i due paesi del Mediterraneo, il patto fu promulgato dai notabili a Kairwan, un patto dal valore profondo che permetteva di superare le divergenze e le ostilità per la differenza di lingua e cultura. 16 La Sicilia successivamente fu aperta da una guerra militare, numerose sono le cronache che si sono occupate della storia dell'isola saracena. Tenendo in considerazione quelle degli scrittori Nuwayrī e Ibn al ʼAṯir 17 , si racconta che il patrizio siciliano Costantino fu proposto dal re dei rūm, costui a sua volta nominò capo dell'armata Eufemio sempre d'origine pelasgica, il quale a cause delle sue razzie nelle coste africane gli fu tolto il comando. Il tutto sfociò, successivamente in una battaglia a Siracusa tra quest'ultimo e le schiere di Costantino, Eufemio ebbe la meglio e fu proclamato imperatore. Ma la strada non era spianata del tutto due governatori delle provincie siciliane entrarono a Siracusa contro il nuovo imperatore, devastarono il suo esercito e lo costrinsero alla fuga. In questo contesto la guerra civile sfiorava appena lo stato ʽaġlabite, e protagonista in questo periodo 16 Michele Amari, Storia dei musulmani di Sicilia, op.cit. vol. I., pp. 224-230. 17 Al Nuwayri (1279-1333) storico ed enciclopedista egiziano della famiglia dei Banu Bakr, la sua opera più importante fu l’enciclopedia intitolata Nihāyat al-arab fī funūn al-adab. (Il fine della persona intelligente nelle arti dell’adab) preso in esame da Michele Amari. ʽAli Ibn al ʼ athir (1160- 1233) storico musulmano di origine curda, realizzò il capolavoro al-Kāmil fī l-ta'rīkh (La perfezione nella storia).
Estratto dalla tesi: I caratteri della presenza dell'Islam a Palermo nel medioevo

Estratto dalla tesi:

I caratteri della presenza dell'Islam a Palermo nel medioevo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Sardo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Antonino Pellitteri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

palermo araba
topografia palermo araba
islam a palermo
archeologia araba palermo
storia araba di palermo
qasr palermo
al khalisa palermo
maredolce palermo
porte arabe palermo
medioevo palermo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi