Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Benchmark Dates nelle Relazioni Internazionali

Laurea liv.I

Facoltà: Comunicazione Internazionale

Autore: Andrea Broccoletti Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 37 click dal 12/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea Broccoletti

Mostra/Nascondi contenuto.
s‟affermerà definitivamente, come oggetto del dibattito liberalista, il ruolo delle istituzioni. Possibili esempi di Benchmark Dates rilevanti per i liberali sono rappresentati da momenti in cui avvennero mutamenti nella governance globale o nei commerci; pertanto il 1500 può rappresentare una data significativa in quanto, in questo anno, vennero inaugurate nuove rotte oceaniche che favorirono, e accellerarono, la capacità di spostamento di persone, di idee, di merci e di denaro in tutto il mondo. Dal punto di vista del liberalismo, molto rilevante è un periodo trascurato dall‟ortodossia realista. Tra il 1840 e il 1870, invenzioni nel settore delle comunicazioni come il telegrafo, e in quello dei trasporti, con la costruzione delle ferrovie e con l‟impiego della navi a vapore, rappresentarono nuovi ed importanti sviluppi dal punto di vista tecnologico ed economico. Infine, altre possibili Benchmark Dates rilevanti per i liberali, collocate nel XX secolo, sono il 1929 (anno di inizio della grande depressione), il 1944 (con gli accordi di Bretton Woods) e il 2008 (anno del crollo finanziario). Al contrario di quello realista, il paradigma liberale presenta Benchmark Dates decisamente meno in linea con le “Big five” dell‟ “Orthodox-set”, questo principalmente per il fatto che quest‟ultimo è orientato verso eventi politico-militari piuttosto che verso dinamiche commerciali e di governance globale. Al contrario, un paradigma sviluppatosi più recentemente come il Costruttivismo, tralascia principalmente mutamenti nell‟ordine e nell‟assetto politico ed economico del sistema internazionale, focalizzando la propria attenzione soprattutto su rilevanti trasformazioni di pensiero a livello regionale; il costruttivismo in particolare ha il merito di far sì che le Relazioni internazionali si mostrino più capaci di riflettere su sé stesse e, di conseguenza, sulla natura del comportamento degli Stati; allo stesso modo della scuola inglese, il costruttivismo insiste sull‟importanza delle idee, ne consegue infatti che Alexander Wendt, principale studioso e pioniere del costruttivismo, affermò che le istituzioni internazionali sono 12
Estratto dalla tesi: Le Benchmark Dates nelle Relazioni Internazionali